Alfa Romeo: presentate Giulia e Stelvio Quadrifoglio MY20 [FOTO e VIDEO]

Nuovi colori, interni aggiornati e tanta tecnologia

Nel 110° anniversario dalla sua nascita Alfa Romeo presenta le rinnovate Giulia e Stelvio in versione Quadrifoglio, top di gamma della berlina e del SUV del Biscione. Mentre le performance rimangono invariate, cambiano alcuni elementi estetici e tecnologici, con un netto upgrade in termini di sicurezza. Non un vero e proprio restyling, quindi, ma molte migliorie che affinano ulteriormente le due auto sportive. Scopriamole nel dettaglio!

Esterni ed interni: nuovi colori e finiture


Grande novità è legata alle esclusive tinte che permettono di esaltare ancora di più l’anima sportiva dei modelli Quadrifoglio: la carrozzeria può essere ora ordinata oltre che nel classico Rosso Alfa, in un brillante giallo Ocra denominato GT Junior e nel bellissimo Verde Montreal, entrambi tributo alle omonime vetture degli anni ’70. Un’altra novità è sicuramente il nuovo gruppo ottico posteriore con tecnologia a LED e indicatori di direzione / retromarcia bruniti, che dona ulteriore aggressività alle due vetture sportive unito a dettagli in nero lucido come il trilobo anteriore e i badge modello. Da segnalare anche i cerchi da 21 pollici esclusivi per la Stelvio.
Per quanto riguarda gli interni spiccano un volante in pelle e Alcantara dal nuovo disegno (una chicca il piccolo quadrifoglio incastonato nell’inserto in carbonio sulla razza inferiore) e un rinnovato sistema di infotainment con schermo da 8,8 pollici, ora touch e ricco di informazioni, quali temperatura di tutte le componenti e dotato di cronometro per registrare accelerazioni e tempi sul giro. Inedita anche la consolle centrale, con leva del cambio più ergonomica e particolari raffinati come il piccolo tricolore a confermare l’identità tutta italiana del marchio.

Più tecnologia


Ulteriore passo avanti nei MY20 anche per quanto riguarda sicurezza e facilità di guida, ma – assicurano in Alfa Romeo – senza pregiudicare minimamente handling e piacere di guida amati dagli appassionati. Performance da supersportiva, quindi, ma all’occorrenza una guida rilassata grazie agli ADAS di ultima generazione “intelligenti ma non invasivi”: parliamo di Traffic Jam e Highway Assist, uniti a un sistema di lettura dei segnali stradali che rispettando gli standard di guida autonoma di livello 2.

Prestazioni e nuovo impianto di scarico

Le prestazioni rimangono quelle della versione precedente, con l’ormai noto motore 2.9 V6 biturbo di derivazione Ferrari capace di erogare 510 CV di potenza e 600 Nm di coppia massima scaricati sull’asse posteriore per la Giulia, mentre la Stelvio è dotata della trazione integrale Q4, che migliora anche i valori di accelerazione. Anche il cambio rimane l’eccellente automatico ZF a 8 rapporti, con l’abbandono del manuale 6 marce. La vera novità sta nell’impianto di scarico in titanio Akrapovic Dual Mode (a richiesta) con cover terminali in carbonio, che permette di amplificare il cupo ruggito del potente propulsore aprendo le valvole con un semplice pulsante.

Prezzi e disponibilità non sono ancora stati dichiarati da Alfa Romeo.

Leggi altri articoli in Alfa Romeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati