Ibrahimovic alla guida della sua Ferrari Monza SP2: per lui maxi multa in Svezia

La supercar del campione svedese non è immatricolata

Ibrahimovic alla guida della sua Ferrari Monza SP2: per lui maxi multa in Svezia

Nei giorni scorsi Zlatan Ibrahimovic, campione svedese in forza al Milan, prima di rientrare in Italia in vista di una possibile ripresa del campionato, ha deciso di andarsene un po’ in giro in strada a Stoccolma alla guida della sua scintillante Ferrari Monza SP2, non certo un modo per passare inosservato.

La Monza SP2 di Ibra risulta non immatricolata

L’attaccante rossonero però, secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo AS, sarebbe incappato in un imprevisto che gli è costato una maxi multa. Fermato della autorità locali, la Ferrari Monza SP2 di Ibrahimovic è risultata non immatricolata, come confermato dall’Agenzia di Trasporto svedese. Una violazione che ha fatto ovviamente scattare la sanzione.

Gioiello da 1,5 milioni di euro

Ibrahimovic, appassionato di supercar e auto di lusso come tanti ricchi suoi colleghi, si era regalato la Ferrari Monza SP2 lo scorso ottobre, in occasione del suo 38esimo compleanno. Caratterizzato da un elegante livrea nera, l’esemplare di Ibra è uno dei 499 complessivi previsti per l’esclusiva Ferrari Monza SP2. La supercar decappotabile a due posti del Cavallino, con un look che strizza l’occhio al passato, ha un valore di 1,5 milioni di euro.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Maradona e la storia della sua Ferrari Testarossa nera

    Venduta all'asta nel 2014 per 250.000 euro gli fu regalata da Ferlaino per la vittoria del Mondiale del 1986
    Il più grande calciatore di tutti i tempi ci ha lasciati. Ieri pomeriggio la terribile notizia verso le 16 dall’Argentina