Mercato auto Europa: il crollo di aprile per il coronavirus, -78.3%

Mercato auto Europa: il crollo di aprile per il coronavirus, -78.3%

Italia e Regno Unito i paesi più colpiti

Mercato auto Europa: il crollo di aprile per il coronavirus, -78.3%

L’impatto sul mercato auto del coronavirus è stato devastante. Non solo in Italia, ma in tutta Europa: i dati del mese di aprile 2020 sono catastrofici e segnano una perdita del 78,3%, rispetto allo stesso mese del 2019. Meno di 300.000 vetture immatricolate, a causa del lockdown nella maggior parte dei paesi del Vecchio Continente, con concessionarie chiuse e spostamenti vietati.

Italia e Regno Unito le più colpite

L’Italia è stato il paese più colpito dalla crisi ed ha registrato una perdita del 97,6% delle immatricolazioni, una cifra simile anche per Regno Unito (-97,3%) e Spagna (96,5%). Perdite pesantissime anche in Francia (-88,8%), mentre la Germania è riuscita a contenere un po’ di più le flessioni (-61,1%), visto delle misure di contenimento meno restrittive decise dal Governo.

“Aprile è il primo mese interessato per intero dalle misure emergenziali di contenimento della pandemia da Covid-19 nei Paesi europei, con la maggior parte dei concessionari chiusi – le parole di Paolo Scudieri, presidente di ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica) – e rappresenta un record negativo in termini di caduta dei volumi da quando ACEA ha iniziato la rilevazione dei dati di mercato”.

Il 40% di perdita rispetto al 2019

Il primo quadrimestre del 2020, dove anche a marzo c’era stato un calo importante per le prime misure restrittive contro la pandemia, sono state immatricolate in Europa 3.346.193 vetture. Una flessione del 39,1%, rispetto allo stesso periodo del 2019. Ed anche per il mese di maggio, essendo in atto ancora le misure in molti paesi europei, è atteso un nuovo segno negativo.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati