Ferrari 488 GTB in frantumi nello scontro con un bus sulle strade di Londra [VIDEO]

Ferrari 488 GTB in frantumi nello scontro con un bus sulle strade di Londra [VIDEO]

Distrutta la supercar del rapper britannico Swarmz

Ferrari 488 GTB in frantumi nello scontro con un bus sulle strade di Londra [VIDEO]

Ogni volta che vediamo una supercar distruggersi in un incidente c’è un po’ di malinconia e tristezza nello sguardo di un appassionato che vede andare in mille pezzi un’auto da sogno. Sentimenti di certo molto ridotti rispetto a quelli che provano i loro proprietari, spesso vip e facoltosi, che non di rado finiscono per essere protagonisti di incidenti stradali con le loro supercar.

Ferrari 488 GTB del rapper britannico Swarmz

Proprio in un incidente stradale avvenuto nel centro di Londra, il rapper britannico Swarmz, ha distrutto la sua Ferrari 488 GTB. Nell’incidente, per fortuna senza conseguenze per le persone, Swarmz compreso, la fascinosa coupé rosso fiammante del Cavallino di Maranello è andata a scontrarsi violentemente contro uno dei noti autobus a due piani che popolano le strade della capitale inglese.

Parte anteriore completamente distrutta nello scontro col bus

L’incidente, avvenuto nel primo pomeriggio di domenica 24 maggio sulla Northumberland Avenue, a Westminster, ha provocato un danno decisamente importante alla Ferrari 488 GTB. Come si vede nel video qui sopra che ci mostra la supercar subito dopo l’incidente e prima di essere rimossa dal carro attrezzi, nell’impatto la Ferrari 488 GTB ha distrutto completamente la parte anteriore che probabilmente, guardando i danni riportati dalla fiancata del bus, è andata a scontrarsi con la parte laterale del mezzo pubblico londinese. Nessuna conseguenza invece per la parte posteriore dell’auto, dove è collocato il motore V8 biturbo da 3.9 litri che spinge la Ferrari 488 GTB, propulsore che si è dunque salvato e che potrebbe trovare posto su un’altra auto, considerando l’irrecuperabilità della supercar di Swarmz.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati