Milano: le nuove piste ciclabili sono davvero sicure?

Milano: le nuove piste ciclabili sono davvero sicure?

E' successo nella mattinata di martedì 26, la donna è stata ferita lievemente

Milano: le nuove piste ciclabili sono davvero sicure?

Le nuove piste ciclabili a Milano seguono pari passo il nuovo decreto rilancio del governo, incentivando lo spostamento individuale piuttosto dei mezzi pubblici. Le nuove soluzioni di viabilità per biciclette e monopattini elettrici si completano con il nuovo “bonus monopattino” (qui il nostro articolo dedicato) che spinge le persone all’acquisto di uno strumento green per la propria mobilità urbana. Tuttavia, le nuove piste ciclabili non hanno proprio trovato il sostegno di tutti, soprattutto quelle ricreate in zone non propriamente idonee al transito dei soggetti deboli della strada.

E’ successo l’inevitabile

Nella mattinata di martedì 26 maggio, una donna di 41 anni è stata investita da una Citroen C3 che avrebbe invaso la pista ciclabile in Corso Venezia proprio mentre stava sopraggiungendo la donna. Fortunatamente non è successo nulla di tragico, la donna sta bene ed è stata portata al pronto soccorso del policlinico in codice verde. Qualche livido e dolore per lei, ma nulla di estremamente preoccupante.

Piste ciclabili a bordo strada: sono davvero sicure?

Più serio invece il discorso sicurezza legato alle nuove poste ciclabili. Finché si parla di apposite corsie ricavate a lato del marciapiede, quindi distanziate dalla carreggiata e sopraelevate, il problema non si pone più di tanto. Diverso invece il discorso per quanto riguarda le nuove corsie ciclabili, ricavate direttamente sottraendo una porzione di carreggiata alla strada battuta dalle auto. Sono delimitate da una semplice segnaletica orizzontale dipinta sull’asfalto, senza una vera barriera o protezione.

Di questa tipologia sono infatti le piste ciclabili ricavate in Corso Venezia, Corso Buenos Aires, Via Senato e molte altre arterie importanti di Milano. Le abbiamo percorse recentemente a bordo di un monopattino elettrico e non vi neghiamo che un po’ di timore al passaggio delle auto c’è, soprattutto quando la strada è sgombra e la velocità delle auto aumenta considerevolmente.

Nuova arteria ciclabile, da San Babila a Sesto San Giovanni

Anche la nuova pista ciclabile che collegherà San Babila a Sesto San Giovani sarà di questa tipologia in molti dei suoi tratti, laddove lo spazio sui marciapiedi è veramente limitato e non è possibile ricavare una vera e propria sezione solamente riservata alle bici. E’ in fase di realizzazione e sono stati già coperti circa 1.600 metri su oltre 6 km totali del percorso.

Leggi altri articoli in Circolazione stradale

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Giorgio

    3 Luglio 2020 at 02:53

    sicuramente il ciclista è più sicuro di quando non c’erano

Articoli correlati