Hertz Italia non è inclusa nella procedura di riorganizzazione finanziaria Chapter 11

Hertz Italia non è inclusa nella procedura di riorganizzazione finanziaria Chapter 11

Le consuete attività dell'azienda sono pienamente operative

Hertz Italia non è inclusa nella procedura di riorganizzazione finanziaria Chapter 11

In seguito alla notizia relativa ai problemi finanziari e all’imminente bancarotta della compagnia di noleggio Hertz negli Stati Uniti e in Canada, è stata rilasciato un comunicato da parte di Hertz Italia.

Nella nota stampa Hertz Italia chiarisce che il ramo italiano e le altre società di Hertz International in Europa, Australia e Nuova Zelanda, così come le società licenziatarie nel mondo, non sono incluse nel procedimento di riorganizzazione finanziaria Chapter 11 richiesto da Hertz in Usa e Canada.

In Italia e nel mondo Hertz assicura piena operatività

Tutte le attività aziendali, si legge nel comunicato, sono quindi pienamente operative in Italia, nel Nord America e su scala globale: dai noleggi alle prenotazioni, dalle offerte ai programmi di accoglienza e di loyalty. Inoltre, a seguito della pandemia da Covid-19, Hertz ricorda di aver attivato tutte le misure e le procedure di sicurezza per la salute di clienti e collaboratori: dall’igienizzazione di veicoli e ambienti al rispetto del distanziamento sociale.

In USA e Canada procedura di riorganizzazione, non di liquidazione o fallimento

A proposito di ciò che sta accadendo oltreoceano, la società precisa che Hertz Global Holding ha richiesto volontariamente per la sola divisione USA e Canda, l’attivazione della procedura di protezione prevista dal Chapter 11 che consente in continuità operativa di risanare finanziariamente l’impresa. Si tratta quindi, sottolinea l’azienda, di un processo di riorganizzazione (simile al concordato preventivo di continuità aziendale nell’ordinamento italiano) e non di liquidazione o fallimento. Alla luce di ciò Hertz conferma totalmente la piena operatività delle agenzie nel Nord America e in tutto il mondo.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati