Pagani Huayra Roadster: nuovo ingresso nel garage di Jorge Lorenzo [VIDEO]

Pagani Huayra Roadster: nuovo ingresso nel garage di Jorge Lorenzo [VIDEO]

L'ex pilota della MotoGP ha ricevuto la sua nuova supercar

Con un video postato sul suo profilo Instagram Jorge Lorenzo ha raccontato la cerimonia di consegna della sua nuova supercar, uno dei 100 esemplari della Pagani Huayra Roadster, belva open-air da 764 CV.
Pagani Huayra Roadster: nuovo ingresso nel garage di Jorge Lorenzo [VIDEO]

Jorge Lorenzo, ormai ex pilota della MotoGP che si è appena ritirato dall’attività agonistica, è un grande appassionato di auto e si è fatto un regalo non da poco acquistando una Pagani Huayra Roadster. Prossimamente forse lo vedremo come tester per Yamaha e non più in pista assieme ai suoi ex colleghi, ma sicuramente questa Pagani è un premio di “consolazione” non da poco. 

Consegna in grande stile

Data la pandemia da Coronavirus, Lorenzo ha dovuto attendere qualche mese prima di vedersi recapitata la vettura ma, data la chiusura della sede centrale a San Cesario sul Panaro, ha dovuto recarsi in svizzera per ritirala, presso la rete di concessionari del facoltoso Kessel.

Solo 100 unità, motore V12 biturbo Mercedes-AMG 6.0 da 764 CV

La Pagani Huayra Roadster, versione open-air della Huayra, è stata presentata per la prima volta tre anni fa al Salone di Ginevra 2017. Si tratta di una supercar prodotta in soli 100 esemplari, dotata di scocca in fibra di carbonio e con un peso a secco di appena 1.280 kg. Ad alimentare la vettura c’è il motore V12 biturbo di Mercedes-AMG, unità propulsiva da 6.0 litri che sviluppa 764 CV di potenza e 1.000 Nm di coppia massima. Al motore è abbinato di serie il cambio automatico X-Trac a 7 rapporti e la trazione posteriore.

La Huayra Roadster, che monta l’impianto frenante in carbocercamica e poggia su cerchi da 20 pollici all’anteriore e da 21 pollici al posteriore, è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in 3,3 secondi e di raggiungere una velocità massima di 370 km/h.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati