Renault Zoe R135 2020 | Com’è & Come Va

Nuova Renault Zoe R135 2020: caratteristiche e prova su strada nel Com'è e Come Va

Nuova Renault Zoe 2020: l’utilitaria completamente elettrica più venduta in Italia giunge alla sua terza generazione con la sigla ZE50: all’esterno i cambiamenti sono pochi, ma azzeccati, mentre gli interni tutti nuovi e ricchi di tecnologia. Il motore, invece, è più potente e garantisce allo stesso tempo maggiore autonomia grazie alla nuova batteria da 52 kWh. Abbiamo provato per voi la R135 in allestimento top di gamma Intens: scopriamola nel dettaglio in questo COM’È & COME VA!

GLi esterni: un facelift azzeccato

In questa terza generazione di Renault Zoe la zona che sfoggia cambiamenti più evidenti è sicuramente il frontale: ora punta maggiormente verso il basso, con un cofano attraversato da nervature molto simile a quello della Clio, e appare più grintoso e dinamico, complici anche i nuovi fari full LED dal taglio appuntito, che convergono verso il logo centrale maggiorato. Questo, funge anche da sportellino per la presa di ricarica. Tutta nuova anche la griglia inferiore, più larga, ed affiancata da inedite prese d’aria laterali che inglobano i fendinebbia, che contribuiscono a rendere visivamente più larga l’utilitaria a zero emissioni. Le fiancate mantengono praticamente la stessa linea della precedente generazione, con la piacevole soluzione delle maniglie delle portiere posteriori “nascoste” nella cornice dei finestrini. Spiccano i nuovi cerchi in lega diamantati bi-tono da 16 pollici, che integrano per la prima volta freni a disco anche posteriori.

Pochi i cambiamenti anche nella zona posteriore, che mantiene linee bombate ed essenziali, con il piccolo spoiler che dona sportività, ma adotta ora dei rinnovati gruppi ottici interamente a LED con firma luminosa a listelli sovrapposti denominata Edge Lighting, con un accattivante effetto 3D e indicatori di direzione dinamici.

Dimensioni

Le dimensioni rispetto alla precedente sono rimaste praticamente invariate: è cresciuta infatti di soli 3 mm in lunghezza (408 cm totali), mentre è larga 173 cm, alta 156 cm e ha un passo di 259 cm.

Interni completamente rinnovati

Se il restyling degli esterni non è stato radicale, gli interni hanno subito una vera e propria rivoluzione: l’abitacolo è stato, infatti, completamente ridisegnato e reso più moderno e tecnologico, con un netto upgrade in termini di qualità di materiali ed assemblaggi. Gran parte delle superfici che andremo a toccare maggiormente sono morbide al tatto, come il particolare tessuto della plancia, presente anche su bracciolo centrale e sedili, composto da fibre ricavate da plastica riciclata: un’ulteriore dimostrazione dell’essenza “green” della nuova Zoe. Altro elemento il volante, più compatto, ben rifinito e ricco di tasti, dietro cui troviamo il driver display completamente digitale da 10 pollici che ci mostra tutte le informazioni di marcia, come percentuale di carica della batteria e autonomia residua. Al centro troneggia lo schermo touch dell’infotainment da 9,3 pollici (di serie su questo allestimento Intens) a struttura verticale, luminoso e reattivo. Subito sotto troviamo alcuni tasti (tra cui lo switch per la modalità ECO), il pannello del climatizzatore (non bi-zona, ma dotato di rilevazione della qualità dell’aria all’interno dell’abitacolo e filtro per la purificazione) e un vano portaoggetti con doppia presa USB, presa 12 V e ingresso per cavo AUX. Veramente bella la nuova consolle dalla struttura “a penisola” simile a quella della Captur, con una leva del cambio compatta ed ergonomica, contraddistinta dal logo Z.E. (Zero Emissions) e dotata dell’inedita modalità “B”, di cui parleremo nella prova su strada. Da segnalare, infine, numerosi spazi per riporre oggetti di vario genere, la piastra con ricarica wireless per smartphone e l’adozione del freno a mano elettronico al posto della classica leva.

Il sistema di infotainment

L’infotainment della nuova Zoe è basato sul sistema EasyLink e si comanda dallo schermo centrale touch da 9,3 pollici, dall’ottima visibilità in ogni condizione e con un’interfaccia fluida e intuitiva. Oltre a navigatore e radio DAB, con una qualità di riproduzione audio notevole anche con impianto base, è presente una sim integrata per accedere ai servizi online. Abbiamo inoltre la possibilità di monitorare lo stato dell’auto da remoto installando l’app MyRenault sul nostro smartphone. A proposito di smartphone: è di serie la compatibilità con Android Auto ed Apple CarPlay.

Abitabilità e bagagliaio

I sedili anteriori sono comodi e abbastanza ergonomici, ma non c’è la possibilità di regolarli in altezza. L’Abitabilità posteriore è discreta anche per 3 persone a causa del tunnel centrale poco ingombrante (che integra due prese USB ma non le bocchette di aerazione), anche se il terzo passeggero potrebbe risultare leggermente sacrificato, soprattutto se alto di statura.

Il bagagliaio della Renault Zoe 2020 ha una buona capienza, 338 litri, che diventano 1.225 abbattendo il divanetto posteriore frazionato 60/40. La soglia di carico alla giusta altezza e lo scalino molto basso, poi, rendono facili le operazioni di carico / scarico.

Prova su strada: motore, dinamica di guida, ADAS

Salendo a bordo si nota subito la posizione di guida rialzata, che garantisce un’ottima visibilità. Il sedile è molto comodo ma purtroppo non c’è possibilità di regolazione in altezza. La Zoe in prova è la R135, la versione più potente: Il motore full electric da 135 CV (scaricati sulle ruote anteriori) è una vera sorpresa e garantisce accelerazioni entusiasmanti, da 0 a 50 km/h in meno di 3,5 secondi, con una velocità massima autolimitata a 140 km/h e una ripresa inarrivabile per le concorrenti di pari segmento con motore endotermico. Il merito è anche dei 245 Nm di coppia, che è disponibile a partire da 0 giri e costante a prescindere dalla velocità di marcia. La piccola elettrica risulta quindi un’auto divertente da guidare, con trasferimenti di carico laterali piuttosto limitati nonostante la taratura soft delle sospensioni, anche se lo sterzo morbido e poco diretto risulta più adatto ad un contesto urbano ed il peso di oltre 1500 kg in ordine di marcia si fa sentire nella guida “allegra” e nelle frenate più decise. L’insonorizzazione è stata migliorata, anche se a velocità autostradali i fruscii aerodinamici sono presenti.
Per quanto riguarda gli ADAS, sono di serie Cruise Control, purtroppo non adattivo, limitatore di velocità, lettura dei segnali stradali e il sistema di mantenimento di corsia attivo, utile e meno invasivo rispetto ad altre auto provate. Da segnalare che la vettura da noi testata è risultata priva della frenata automatica d’emergenza, che dovrebbe comunque essere presente sugli esemplari disponibili per il cliente finale.

Batteria, autonomia, ricarica

L’alimentazione è garantita da una nuova batteria agli ioni di litio, posizionata sotto il pianale, con capacità aumentata: si passa da 41 a 52 kWh, valore che aumenta l’autonomia fino a quasi 390 km misurati secondo il ciclo WLTP. Come accennato nel capitolo interni, la nuova Zoe introduce una nuova modalità di guida in aggiunta alla classica Drive. Questa è denominata “B-Mode”, ovvero Brake Mode, utilissima soprattutto nella guida cittadina: selezionandola il freno motore aumenta sensibilmente e ci consente di recuperare parecchia energia in più ad ogni rilascio dell’acceleratore e di utilizzare pochissimo il pedale del freno. Attivando contemporaneamente la modalità “Eco”, che addolcisce l’erogazione evitando inutili picchi di consumo della batteria, l’autonomia reale può salire fino a quasi 350 km. Nella nostra prova effettuata principalmente in città ma anche su strada extraurbana e autostrada abbiamo percorso quasi 320 km con una singola carica: circa 6,2 km per kWh.
Parlando proprio della ricarica, su questa nuova generazione è stata introdotta quella rapida DC con presa Combo (optional 1000 euro, presente sulla vettura in prova) che permette di passare da 0 a 80% in un’ora e 10 minuti. Per le Ricarica AC tramite wallbox servono circa 10 ore, mentre utilizzando una normale presa domestica i tempi diventano “importanti”: oltre 30 ore.

Gli allestimenti

Gli allestimenti disponibili per la nuova Zoe sono 4:

– Il Life, che offre già una buona dotazione di serie: cerchi in acciaio 15 pollici, specchietti retrovisori elettrici e display infotainment da 7 pollici con radio DAB
– Lo Zen: aggiunge cerchi in lega da 16 pollici, sensori parcheggio posteriori, Cruise Control e climatizzatore automatico
– L’ Intens: quello della nostra prova, con sistema di Infotainment EasyLink Premium da 9,3 pollici, sensori di parcheggio anteriori, retrocamera e fendinebbia a LED dinamici.
– L’ Edition One: edizione full optional in tiratura limitata a sole 50 unità

Prezzi

I prezzi della nuova Renault Zoe con batteria a noleggio,sicuramente la formula più conveniente a partire da 74 euro al mese, a seconda dei km percorsi annualmente. Per km illimitati circa 125 euro al mese) partono da 25.900 euro per la R110 (motore da 110 CV) in allestimento Life per arrivare ai 29.300 euro della Intens. La vettura da noi provata ha un prezzo di 30.700 euro per via dei numerosi optional. Il pacco batteria di proprietà costa ben 8.200 euro.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Design accattivante. Qualità degli interni. Spunto del motore elettrico. Ottima autonomia.Manca regolazione in altezza sedili. Frenata migliorabile. Prezzi ancora troppo elevati

La Pagella di Motorionline

Motore:★★★★½ 
Ripresa:★★★★★ 
Cambio:★★★★½ 
Frenata:★★½☆☆ 
Sterzo:★★★½☆ 
Tenuta di Strada:★★★☆☆ 
Comfort:★★★★☆ 
Posizione di guida:★★★½☆ 
Dotazione:★★★★½ 
Qualità/Prezzo:★★½☆☆ 
Design:★★★★☆ 
Consumi:★★★★½ 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Renault Captur 2020 | Com’è & Come va

Renault Captur 2020: ecco la prova su strada video con la nostra recensione e pagelle
La puntata del nostro consueto Com’è e Come va è dedicata alla nuova Renault Captur 2020. Un’auto capace di scalare