Peugeot 304: nasceva 50 anni fa la giocosa antenata dell’attuale 308 [FOTO]

Il lancio di coupé e cabriolet a inizio anni '70

Sin dal debutto nel 1969 della nuova berlina Peugeot 304 era evidente che la gamma della nuova media del Leone si sarebbe allargata. Così dopo la Break, ovvero la versione station wagon, arrivarono le versioni più ludiche e sbarazzine come la Cabriolet e la Coupé.

La Peugeot 304 era un’evoluzione della più piccola 204, esattamente come era avvenuto quarant’anni prima con la serie 01, con la 301 che si affiancò alla 201 adottando una meccanica di maggior cilindrata, ma con carrozzeria simile.

Debutto sul mercato nel 1970

Le versioni Cabriolet e Coupé della Peugeot 304 vennero presentate al Salone di Ginevra con la commercializzazione che partì in Francia nell’aprile del 1970, di seguito negli altri Paesi europei, Italia compresa dove la presentazione alla stampa venne organizzata a Roma per l’11 giugno di quell’anno.

Il mercato premiò sin da subito la Peugeot 304 che alle doti di robustezza, comfort ed economicità della 204 aggiungeva un maggior livello di finiture e una meccanica di cilindrata superiore. Nonostante questo, fino all’arrivo della sportiva versione S, il motore fu giudicato troppo “tranquillo” per la vocazione dinamica della vettura.

Pianale della 204, tante novità fuori e dentro

Le Peugeot 304 Coupé e Cabriolet sostituirono a listino le omologhe versioni di 204 che uscirono definitivamente di produzione. La 304 riprendeva integrale pianale e struttura di base della 204, mentre sul frontale c’era una nuova mascherina, gruppi ottici, cofano e parafanghi inediti. Sul posteriore venne sostituito il pannello che inglobava i fanali. Nell’abitacolo il cruscotto era nuovo, con gli interni che furono aggiornati nei rivestimenti, ma non nella foggia dei sedili.

Motore 1.288 cm3 da 70 CV, che salirono a 80 CV sulla versione S

Per quanto riguarda il motore, strettamente derivato da quello della 204, questo passò dai 1.130 cm3 e 60 CV (modello 1969) ai 1.288 cm3 e 70 CV della 304. Una maggiore spinta di sportività arrivò nel settembre 1972 quando debuttò in gamma la serie “S”, dove S stava per sport. Questa variante proponeva tre modifiche di rilievo su motore, interni ed esterni. Il nuovo propulsore offriva un carburatore doppio corpo e una potenza aumentata ad 80 CV. Internamente le novità erano rappresentate dal nuovo cruscotto con tre strumenti circolari e dai grossi poggiatesta anteriori. Sul look esterno la 304 S si caratterizzava per nuovi cerchi a piccoli fori rotondi invece che rettangolari, copri cerchi schiacciati simili a quelli della 504, fari posteriori per la retromarcia e badge S sul posteriore.

Rimasta in produzione dal 1970 al luglio 1975, la Peugeot 304 fu venduta in 60.186 esemplari della Coupé e in 18.647 unità della Cabriolet, un risultato commerciale niente male per una piccola vettura di nicchia.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati