Toyota Hilux 2020: il pick-up si aggiorna e diventa ‘Invincibile’ [FOTO]

Arriverà in Italia nella parte finale del 2020

Dopo essersi mostrata in versione ancora camouflage con Fernando Alonso al volante, ecco la nuova Toyota Hilux. Il pick-up del marchio giapponese è stato aggiornato con novità dal punto di vista estetico, l’arrivo di un nuovo motore da 2.8 litri e la versione top di gamma ‘Invincibile’. Questo modello sarà introdotto in Europa ed anche in Italia nella parte finale del 2020.

Un nuovo frontale e tanta tecnologia

Le novità della nuova Toyota Hilux partono da un frontale completamente ridisegnato, con una griglia tridimensionale ed una nuova linea del paraurti anteriore, ancora più robusto. Cambiano anche i gruppi ottici a LED anteriori e posteriori, così come è presente una nuova finitura dei cerchi in lega neri da 18”. Infine, è disponibile la nuova colorazione Oxide Bronze metallizzato.

Entrando all’interno dell’abitacolo, è la tecnologia a farla da padrona. Il nuovo schermo da 8” per il sistema di infotainment, dove ora sono incorporati Apple CarPlay e Android Auto. L’equipaggiamento comprende anche smart entry, navigatore satellitare, climatizzatore automatico, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, così come il sistema auto JBL a 9 altoparlanti da 800W.

La versione ‘Invincibile’

Come dicevamo, cambia la versione top di gamma, ora denominata ‘Invincibile’. I dettagli esterni esclusivi includono griglia anteriore e paraurti, piastra sottoscocca, passaruota, maniglie, cerchi e design del portellone posteriore dedicati. A bordo, oltre ai sedili in pelle traforata, è presente un’esclusiva strumentazione, finiture nere e la smart entry dedicata.

Il nuovo motore diesel da 2.8 litri

Novità importante anche nelle motorizzazioni. Alla già presente versione da 2.4 litri, si affianca il propulsore 2.8 diesel da 204 CV e 500 Nm di coppia, abbinato al cambio manuale o automatico a sei rapporti. Questo nuovo motore permetterà all’Hilux di accelerare da 0-100 km/h in 10”, con un consumo medio di carburante di 7,8 l/100 km ed emissioni di CO2 di 204 g/km (NEDC).

Il comfort e la guidabilità del pick-up del marchio giapponese sono stati migliorati grazie agli interventi effettuati sulle sospensioni e al servosterzo. Le sospensioni beneficiano di una nuova messa a punto degli ammortizzatori anteriori e posteriori, della nuova progettazione delle balestre e delle nuove boccole per ottenere una guida più fluida con uno smorzamento più efficace.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. enrico mora

    12 Giugno 2020 at 00:19

    peccato che come tutti i pickup sia omologabile solo autocarro N1.

Articoli correlati