Area C Milano: riattivata dal 15 giugno, novità per i parcheggi

Area C Milano: riattivata dal 15 giugno, novità per i parcheggi

Resta sospesa Area B fino a nuova comunicazione

Area C Milano: riattivata dal 15 giugno, novità per i parcheggi

La circolazione sta tornando ai livelli normali, con il progessivo allentamento delle misure restrittive per combattere il coronavirus, e si riaccendono le telecamere di Area C a Milano. Da lunedì prossimo (15 giugno) sarà di nuovo attiva la ZTL del centro città nel capoluogo lombardo, con i classici orari da lunedì a venerdì dalle 7.30 alle 19.30 (escluso festivi). Resta invece sospesa Area B, fino a data da destinarsi, in base all’andamento del traffico.

Gli spostamenti a Milano sono andati progressivamente crescendo e gli ultimi dati, relativi all’ultima settimana di maggio, indicano che ha raggiunto l’80% rispetto al periodo precedente al confinamento, mentre sui mezzi pubblici il traffico di passeggeri rimane contenuto ampiamente entro i livelli che consentono il distanziamento, ovvero al 22-25% della capienza normale.

Cosa cambia su strisce blu e gialle

Per quanto riguarda i parcheggi, invece, a partire dal 15 giugno, la sosta resterà libera esclusivamente all’esterno della cerchia filotranviaria, negli Ambiti 8, 25, 30, 31, 34, 35, 36, 38, 42, 43 del territorio cittadino. Nel resto della città, si tornerà a pagare la sosta per le strisce blu e sarà vietato il parcheggio nelle strisce gialle, residenti a parte ovviamente.

Anche questa misura, così come per Area B, resterà in vigore sino all’adozione di un successivo provvedimento che terrà conto del monitoraggio della congestione, della capacità del trasporto pubblico e dell’evolversi della situazione epidemiologica. Invece, a Roma restano sospese le ZTL.

Già riattivate le ZTL residenti

Nelle scorse settimane, erano già state riattivate le corsie preferenziali per i mezzi pubblici e le ZTL residenti. Sono state riaccese le telecamere che gestiscono e controllano gli accessi di tutte le Ztl, nonché le telecamere e i dissuasori mobili delle aree pedonali istituite all’interno della città.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati