Opel Zafira-e Life: la monovolume diventa elettrica [FOTO]

Autonomia dichiarata fino a 330 chilometri

Opel prosegue l’elettrificazione della sua gamma e propone la versione 100% elettrica della monovolume: la nuova Zafira-e Life. Tre lunghezze e fino a nove posti disponibili, con un’autonomia fino a 330 chilometri con la batteria più capiente. L’apertura delle prenotazioni partirà nel corso dell’estate, mentre le prime consegne sono previste entro la fine del 2020.

Tre taglie: da small a large

Come dicevamo, sono tre le taglie disponibili. La più corta è denominata Small e sarà disponibile dall’inizio del 2021, la Medium è più lunga di 35 centimetri ed ha un passo di 3,28 metri, mentre la Large ha una capacità di carico di circa 4.500 litri. Tutte possono trasportare fino a nove passeggeri.

Opel Zafira-e Life offre sedili in pelle montati su binari in alluminio di alta qualità, con una regolazione semplice in tutte le versioni. Sono disponibili configurazioni con cinque, sei, sette o otto sedili in pelle, mentre lo schienale ribaltabile del sedile del passeggero anteriore consente il trasporto di oggetti lunghi fino a 3,50 metri.

Tecnologia e sicurezza alla guida

La tecnologia è un punto di forza della nuova Opel Zafira elettrica, con l’ampio touchscreen centrali con i sistemi di infotainment Multimedia e Multimedia Navi, con compatibilità Apple CarPlay e Android Auto. Grazie ad Opel Connect, inoltre, il sistema di navigazione include informazioni sul traffico in tempo reale per la situazione aggiornata delle strade.

La sicurezza è aumentata dai sistemi di assistenza alla guida, come la frenata d’emergenza con il riconoscimento dei pedoni, il cruise control semi-adattivo, il mantenimento di corsia, l’assistenza abbaglianti, la telecamera posteriore oppure l’head-up display.

Fino a 330 chilometri di autonomia

L’Opel Zafira-e Life è spinta dal motore elettrico da 136 CV e 260 Nm di coppia, abbinabile a due batterie agli ioni di litio: da 50 kWh o 75 kWh, rispettivamente con 230 e 330 chilometri di autonomia dichiarata nel ciclo WLTP. Il sistema di frenata rigenerativa, che recupera l’energia prodotta in frenata o in fase di decelerazione, aumenta ulteriormente l’efficienza.

Per quanto riguarda la ricarica, la monovolume del fulmine può recuperare l’autonomia tramite la presa domestica, la ricarica rapida o tramite Wallbox. Utilizzando una stazione di ricarica di 100kW di potenza in corrente continua (CC), sono necessari circa 30 minuti affinché la batteria da 50kWh raggiunga l’80% dello stato di carica (circa 45 minuti per la batteria da 75kWh).

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati