Toyota GR Yaris: c’è una linea di produzione interamente dedicata [VIDEO]

Toyota GR Yaris: c’è una linea di produzione interamente dedicata [VIDEO]

Il piccolo missile giapponese sfoggia ben 268 CV e 370 Nm di coppia

Toyota GR Yaris: c’è una linea di produzione interamente dedicata [VIDEO]

La nuovissima e vivacissima Toyota GR Yaris sarà forse una delle hothatch più attese dopo la Hyundai i30 N. Purtroppo non sarà commercializzata in tutti i mercati ma c’è da dire che farà molto parlare di sé, per via delle caratteristiche super sportive, una meccanica sopraffina e un’impostazione dedicata ai veri amanti della guida sportiva, ispirata al mondo dei Rally. La nuova GR Yaris sarà costruita in una linea di produzione specifica per lei nello stabilimento Toyota di Motomachi, in Giappone. Buona parte del processo di assemblaggio è ovviamente gestito dai robot, ma c’è ancora tantissimo spazio lasciato agli addetti. Il controllo qualità è davvero minuzioso: per far parte del team di controllo sulla GR Yaris si devono effettuare corsi specifici per questa vettura.

Toyota GR Yaris: non vediamo l’ora di provarla

La piccola giapponese è una vera e propria scheggia su ruote. Sotto al cofano troviamo un 3 cilindri turbo 1.6l di cilindrata, capace di erogare 268 CV e 370 Nm di coppia massima. La trazione è gestita da un cambio manuale 6 marce, collegato ad un differenziale centrale che ripartisce la coppia tra avantreno e retrotreno, infatti si tratta di un’auto a trazione integrale permanente. Per gli insaziabili esiste anche il pacchetto sportivo, che regala un doppio differenziale autobloccante Torsen su entrambi gli assali. Inclusi nel pack ci sono anche dei cerchi sportivi alleggeriti da 18″ e pneumatici 225/40 Michelin Pilot Sport 4s.

So parla di un sorprendente scatto sullo 0-100 km/h coperto in soli 5,5 secondi, per una velocità massima di ben 230 km/h. Non vediamo l’ora che inizino le prime consegne anche in Europa, per toccare con mano quello che probabilmente diventerà lo spartiacque, nonché il metro di paragone per le prossime piccole Hot Hatch.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati