Gruppo PSA: lo stabilimento di Mulhouse produrrà mascherine

Gruppo PSA: lo stabilimento di Mulhouse produrrà mascherine

Dedicate alla protezione dei dipendenti degli stabilimenti

Gruppo PSA: lo stabilimento di Mulhouse produrrà mascherine

La situazione sta migliorando, in Italia ed in buona parte d’Europa, ma lotta al coronavirus non è finita. Le mascherine sono un elemento chiave per la convivenza con il virus e ci sono ancora situazioni in cui non è facile trovarle. Il Gruppo PSA ha deciso di produrre quasi dieci milioni di mascherine al mese in una linea del proprio stabilimento francese di Mulhouse.

“Dall’inizio di questa crisi, la priorità del Gruppo è stata quella di proteggere i propri dipendenti e abbiamo deciso di investire in questa produzione, che inizierà questa estate – dichiara Xavier Chéreau, Director of Human Resources and Transformation di Groupe PSA – Questa decisione, condivisa con i sindacati, ci rende collettivamente più forti per vincere contro il Covid-19”.

Le mascherine soprattutto per i dipendenti

L’idea del Gruppo PSA, infatti, è in primis autoprodurre la quantità necessaria di mascherine per i propri dipendenti, rispettando così il protocollo di misure sanitarie rafforzate nei vari stabilimenti per proteggere dal rischio di contagio di coronavirus. Questo protocollo prevede in particolare la distribuzione da due a quattro maschere al giorno per ogni dipendente.

Questa produzione inizierà dal prossimo mese di agosto, quando verrà implementata una linea automatizzata nello stabilimento di Mulhouse e una dozzina di dipendenti del gruppo si dedicheranno alla fabbricazione. In maniera parallela, una seconda linea automatizzata sarà in funzione presso un partner francese e produrrà le mascherine per PSA per un anno.

A partire da agosto 2021, questa seconda linea verrà trasferita a Mulhouse e, in questo scenario, il team del Gruppo assicurerà tutta la produzione. In totale, si stimano 10 milioni di mascherine al mese nello stabilimento transalpino.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati