Autostrade Liguria: altra giornata di caos, stop ad alcuni pedaggi

Autostrade Liguria: altra giornata di caos, stop ad alcuni pedaggi

Il Governatore presenta un esposto ed una diffida al Mit

Autostrade Liguria: altra giornata di caos, stop ad alcuni pedaggi

Un’altra giornata di passione per chi si è mosso sulle autostrade in Liguria. Come prevedibile, l’arrivo del weekend e di un numero superiore di spostamenti ha portato lunghissime code sulla rete regionale, addirittura arrivando fino a 20 chilometri di coda tra Sampierdarena e Arenzano, ma con tanti altri disagi in tutta la regione. E, da domani, ci saranno 150 km di tratte senza pedaggio.

”Esposto e diffida a Mit

Il governatore Giovanni Toti ha deciso di presentare un esposto in Procura, contro il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture: “Sottolineiamo l’inottemperanza di un’ordinanza regionale firmata 3 giorni fa da parte del ministero. Sottolineiamo che il piano di sicurezza strutturale delle gallerie non tiene conto delle esigenze di un piano di sicurezza funzionale del traffico”.

E c’è l’invito a predisporre un nuovo piano per il controllo delle gallerie, che sta provocando questi pesantissimi disagi: “Abbiamo inviato una diffida, affinché il Mit si sieda attorno ad un tavolo entro 7 giorni, per quantificare il danno subito dalla Liguria. Altrimenti agiremo per vie legali”.

Circa 150 chilometri senza pedaggio

Visti questi continui disagi, destinati a proseguire nel corso del weekend e dei giorni successivi, Autostrade per l’Italia ha deciso di estendere le tratte senza pedaggio, arrivando a circa 150 chilometri.

La misura entrerà in vigore da domattina e sarà valida per tutti i veicoli, indipendentemente dalla provenienza. Interessati i tratti dell’A12 e dell’A7 tra Lavagna e Genova Ovest e Vignole Borbera, dell’A10 Varazze-Genova Aeroporto e dell’A26 Ovada-Genova, che avranno un’esenzione totale.

Le esenzioni, attuate in accordo con il MIT e la Regione Liguria, resteranno in vigore fino a quando permarranno condizioni di rilevante disagio sulla rete ligure a causa delle prescrizioni ministeriali a cui ASPI deve ottemperare.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati