Roulotte e camper: come e dove parcheggiare

Roulotte e camper: come e dove parcheggiare

Le norme da rispettare per non rischiare sanzioni

Roulotte e camper: come e dove parcheggiare

È arrivata l’estate e si avvicinano le ferie per la maggior parte degli italiani, anche in questo difficile 2020. Una parte utilizzerà il camper o la roulotte per trascorrere il periodo di riposo, forse in un numero maggiore del solito, viste le restrizioni su aerei e treni. Mezzi che consentono una vacanza con maggiore libertà di spostamenti, ma con regole da rispettare, in particolare per la sosta.

Il parcheggio in strada

Il Codice della Strada inserisce gli autocaravan nella categoria degli autoveicoli e quindi il camper è assimilato alle auto per le regole sulla circolazione e sui divieti da osservare (e le stesse sanzioni). Dunque, è possibile parcheggiare il mezzo su una normale strada, purché la sosta non venga considerata campeggio.

Quindi, ovviamente, deve essere consentita la sosta nel luogo dove vogliamo fermarci, il mezzo deve poggiare al suolo solo con le proprie ruote (senza piedini o altri sostegni), non deve ingombrare oltre il proprio volume (niente tende o gazebo) e non deve emettere deflussi, salvo quelli del motore. Non è assolutamente consentito scaricare le acque chiare o nere sulle strade. La sanzione amministrativa oscilla tra € 84,00 a € 355,00.

Se si utilizzano le strisce blu, per il Codice della Strada, il parcheggio costa il 50% in più, rispetto a quello di un altro veicolo. Ad esempio, se il costo della sosta è un euro all’ora, con il camper bisognerà spendere 1,50 euro all’ora.

Il camper service e le aree attrezzate

Sul territorio italiano sono presenti numerosi punti sosta dedicati ai camper ed alle roulotte, oltre ovviamente ai campeggi. Si parte dai camper service, che si trovano anche in aree di servizio autostradali, dove è possibile scaricare le acque chiare e nere e, in molti casi, sono presenti anche delle colonnine per il rifornimento dell’acqua potabile.

Il punto sosta, invece, è un’area con indicazioni turistiche, alcuni servizi (solitamente il camper service), ma senza piazzole delimitate e senza allacciamento alla corrente. Le aree attrezzate, invece, sono aree pubbliche riservate al parcheggio dei camper e sono gratuite o, più probabilmente, a pagamento. Solitamente si può sostare al massimo 3 giorni e sono dotate di numerosi servizi, dal camper service all’allacciamento della corrente.

Seppur non è difficile vedere delle ‘eccezioni’, anche in queste aree non è consentito il campeggio e quindi, installare piedini o cunei, attaccare tende o mettere all’esterno dei tavolini con le sedie.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati