Atti vandalici all’auto: la procedura per il risarcimento

Atti vandalici all’auto: la procedura per il risarcimento

Cosa fare se l'auto viene danneggiata

Atti vandalici all’auto: la procedura per il risarcimento

Tra i possibili danni alla propria auto, se parcheggiata in strada, ci sono gli atti vandalici. Una manifestazione sfociata in violenza, sommosse oppure più semplicemente un atto di sfregio al veicolo, senza una motivazione reale, ma capace di creare danni ingenti. Cosa bisogna fare quando è la propria auto ad essere coinvolta e come poter ottenere il risarcimento dei danni subiti.

La denuncia ed il risarcimento con RC Auto

È obbligatorio sporgere denuncia per atti vandalici presso le forze dell’ordine, solitamente contro ignoti se non si conosce l’autore del danno, scattando le foto della parte danneggiata. Chi è coperto solamente da assicurazione RC Auto non può richiedere alla propria compagnia assicurativa il risarcimento, ma deve attendere e sperare venga individuato il vandalo.

È fondamentale tenere il preventivo e, soprattutto, la fattura del carrozziere. Se verrà individuato il colpevole, sarà quest’ultimo a dover effettuare il risarcimento, sulla base di quanto speso per riparare il danno.

Il risarcimento con la polizza atti vandalici

Se, invece, l’auto è assicurata anche contro gli atti vandalici, allora va richiesto il risarcimento alla compagnia assicurativa. Una volta effettuata la denuncia (entro 90 giorni dal fatto) si richiede la domanda di rimborso alla compagnia, allegando una copia della denuncia.

L’assicurazione invierà un perito per esaminare l’auto e, a questo punto, verrà stabilito l’ammontare del risarcimento, che potrà essere integrale o parziale. Dipende dalle clausole del contratto assicurativo. Nella maggior parte dei casi le polizze a copertura dei danni derivanti da atti vandalici prevedono una franchigia, solitamente compresa tra i 50 e i 100 euro.

Non tutti gli atti vandalici sono risarciti

Può non essere sufficiente la polizza contro gli atti vandalici per ottenere un risarcimento. Infatti, in caso venga rotto il parabrezza o i finestrini, sarà necessario avere la polizza cristalli. E se l’auto è stata danneggiata da uno scontro con un altro mezzo, mentre è parcheggiata, solamente la polizza Kasko permetterà al proprietario del veicolo danneggiato di ottenere un risarcimento.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati