Manutenzione ordinaria e straordinaria dell’auto: le differenze

Manutenzione ordinaria e straordinaria dell’auto: le differenze

Come mantenere efficiente e sicura la propria vettura

Manutenzione ordinaria e straordinaria dell’auto: le differenze

Una corretta manutenzione dell’auto è fondamentale per la sicurezza ed anche per rendere più longeva la propria vettura, anche se non tutti la svolgono nei giusti tempi. Ci sono due diversi tipi di manutenzione: quella ordinaria e quella straordinaria. Vediamo in cosa consistono le differenze, utili anche per verificare quali interventi coprono alcuni contratti, soprattutto legati al noleggio.

La manutenzione da ripetere periodicamente

La manutenzione ordinaria è quella da ripetere periodicamente, per mantenere efficiente la propria auto. Praticamente si tratta del tagliando e di quelle operazioni comunque piuttosto semplici, come il cambio di una lampadina, il cambio dell’olio o dei filtri ed alcune verifiche su freni e pneumatici.

Ogni quanto va fatta? Viene scritto sul libretto di manutenzione della propria auto, solitamente viene effettuata ogni 15.000 o 20.000 chilometri. Aumentando eventualmente la frequenza, quando l’auto diventa più vecchia e quindi un po’ più soggetta ad eventuali problemi.

I problemi più seri e costosi

La manutenzione straordinaria è legata agli interventi una tantum da effettuare sul proprio veicolo, in caso di problemi o malfunzionamenti, per sostituire pezzi usurati o danneggiati. Come ad esempio, la cinghia di distribuzione, i dischi della frizione, il cambio oppure interventi sul motore.

Si tratta di operazioni non previste ed anche piuttosto costose, ma obbligatorie per viaggiare in sicurezza e senza il rischio di restare a piedi. Tuttavia, rispettando le scadenze della manutenzione ordinaria, questi problemi sono meno frequenti e la vettura ha un rendimento più efficiente e sicuro.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati