Blocco diesel Euro 4: slitta lo stop nel Bacino Padano al 1° gennaio 2021

Blocco diesel Euro 4: slitta lo stop nel Bacino Padano al 1° gennaio 2021

I veicoli potranno circolare per tre mesi in più

Blocco diesel Euro 4: slitta lo stop nel Bacino Padano al 1° gennaio 2021

Il blocco delle auto con motore diesel Euro 4 nel Bacino Padano slitta dal 1° ottobre 2020 al 1° gennaio 2021. Tre mesi in più di circolazione per queste vetture in Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto: è la decisione presa dopo la videoconferenza tra gli assessori regionali all’ambiente Raffaele Cattaneo, Irene Priolo, Matteo Marnati e Gianpaolo Bottacin.

Tra riduzione delle emissioni e mezzi pubblici

Il lockdown per contenere la pandemia ha portato ad una riduzione complessiva delle emissioni, mentre le limitazioni sull’utilizzo dei mezzi pubblici (e un uso ridotto anche per paura dei contagi) costringono una parte dei lavoratori ad utilizzare i propri mezzi privati. E queste limitazioni saranno ancora attive in autunno, visto la proroga dello stato d’emergenza in Italia fino al 15 ottobre.

“Con questa decisione, vogliamo offrire un contributo concreto per cercare di equilibrare, nella ‘Fase 3’, l’utilizzo del trasporto pubblico e quello privato – le parole dell’assessore lombardo Raffaele Cattaneo, commentando questo provvedimento – andando incontro ai molti cittadini che hanno avuto un pesante impatto economico dagli effetti della pandemia”.

Verrà compensato con altre misure

Questo prolungamento dell’utilizzo delle vetture diesel Euro 4 verrà compensato con altre misure, che verranno studiate nel frattempo, in caso di superamento delle soglie di smog nell’autunno/inverno 2020. Non legate solamente alla mobilità, ma anche su altri elementi inquinanti.

“Bisogna, per esempio, ragionare sugli impianti di riscaldamento – ha chiuso Cattaneo – In particolare su quelli a biomassa, che abbiamo visto essere il punto più critico per le polveri”. Evitando di colpire sempre e solo le auto.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati