Citroen Mehari: come nacque l’iconico modello francese

Citroen Mehari: come nacque l’iconico modello francese

Un modello prodotto in quasi 150.000 unità in 21 anni

Citroen Mehari: come nacque l’iconico modello francese

La Citroen Mehari è stata un’icona del Double Chevron, con quasi 150.000 unità prodotte in circa vent’anni, tra il 1968 ed il 1987. Un modello di grande successo, in grado di piacere al pubblico su per la capacità di muoversi su tutti i terreni, anche come veicolo da lavoro. E le versioni 4×4 hanno servito l’esercito francese e svolto il ruolo di ‘ambulanze veloci’ alla Parigi-Dakar del 1980.

Tutto nacque da un incidente

Ma come nacque la Citroen Mehari? Era il 1947 ed una società francese (SEAB) si occupava di materiali innovativi, in particolare della plastica. Nella flotta di veicoli dell’azienda figurava un certo numero di furgoncini, realizzati da Citroen sulla base meccanica della 2CV e dell’AMI6, ed un giorno uno di questi ebbe un incidente piuttosto serio. Il conducente non ebbe particolari conseguenze, la meccanica non fu intaccata, mentre la carrozzeria fu seriamente danneggiata.

Il proprietario della società, Roland de la Poype, decise di non riparare il furgoncino, perché voleva realizzare una carrozzeria in plastica per creare un veicolo commerciale nuovo, che fosse come un pick-up, ma in grado anche di chiudersi come un furgoncino. Così iniziarono gli studi e furono realizzati diversi disegni e qualche prototipo, con l’aiuto del designer Jean-Louis Barrault.

Il fuoristrada in plastica e Citroen

Il risultato finale fu un piccolo fuoristrada in plastica, realizzato in materiale ABS, facilmente trasformabile, flessibile e colorabile nella massa. Questo modello fu presentato alla Direzione Generale di Citroen nel 1967, alla presenza del direttore generale Pierre Bercot. Quest’ultimo ci mise dieci minuti a capire le potenzialità di questo modello, la futura Mehari, e diede il via libera.

Il nome Méhari è mutuato da quello di una razza di dromedari da corsa, particolarmente robusti e resistenti. La produzione partì subito con due versioni: a due e quattro posti, la prima aveva (in Francia) una fiscalità agevolata, la seconda era dotata di una panchetta pieghevole che poteva allinearsi al piano di carico e diventava un pick-up con una sola manovra.

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati