Plastiche auto: come pulirle senza fare danni

Plastiche auto: come pulirle senza fare danni

Cosa utilizzare per evitare graffi o altri problemi

Plastiche auto: come pulirle senza fare danni

Lo sporco è uno dei nemici della nostra auto e, per mantenerla efficiente e bella, è necessario pulirla con cura e con i giusti prodotti. Le plastiche interne ed esterne sono tra gli elementi più in vista: vediamo come è possibile tenerle pulite e renderle più belle e luminose. Evitando le sostanze nocive, che rischiano di rovinarle o addirittura comprometterle in maniera definitiva.

Il panno e le cere

Per quanto riguarda le plastiche interne, si può dare prima un passaggio con un aspirapolvere per togliere il grosso dello sporco e della polvere. Poi passare un panno in microfibra leggermente umido, in modo da dare un’ulteriore e più specifica pulizia alle superfici, senza poi rischiare di causare graffi. Per le plastiche esterne, invece, utilizzare delicatamente una spugna umida.

Successivamente, per entrambe le superfici, utilizzare un prodotto a base di cere vegetali o di cera di carnuba, in modo da togliere la patina di sporco e ravvivare il colore della superficie. Sempre con il panno in microfibra per gli interni e la spugna morbida per le plastiche esterne.

No ai solventi

La cera, soprattutto quella di carnuba, permette di formare una barriera contro i raggi UVA, garantisce un effetto seta piacevole al tatto e crea un’effetto antistatico. Meglio evitare, invece, i solventi ed i siliconi: la plastica sembra brillante, dopo l’utilizzo, ma lasciano spesso un effetto appicicaticcio e può portare allo sbiancamento della plastica, con un utilizzo molto frequente.

Una piccola spazzola

Se si è infiltrato dello sporco nelle fessure, come può capitare sia all’interno che all’esterno, e non viene tolto né dall’aspirapolvere né dal panno, si può utilizzare una piccola spazzola o uno spazzolino per provare a toglierlo. Tuttavia, è fondamentale abbiano le setole morbide e vengano utilizzate con estrema delicatezza, altrimenti il rischio di fare qualche graffio è sempre in agguato.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati