McLaren: l’architettura per le vetture ibride, la prima nel 2021

McLaren: l’architettura per le vetture ibride, la prima nel 2021

È una monoscocca flessibile ed ultraleggera

McLaren: l’architettura per le vetture ibride, la prima nel 2021

L’elettrificazione è in primo piano non solo per i marchi ‘classici’, ma anche per chi produce auto sportive e supercar. È il caso di McLaren: la casa di Woking lancerà il prossimo anno la prima supercar ibrida ed ha presentato la nuova architettura dedicata proprio a queste vetture. Si tratta di una monoscocca flessibile ed ultraleggera, sviluppata presso il McLaren Composites Technology Centre.

Telaio ultraleggero in fibra di carbonio

Questa nuova e flessibile architettura propone per la prima volta tecniche e processi innovativi, per sopprimere tutti gli eccessi di massa e ridurre il peso complessivo della vettura, migliorandone le qualità di sicurezza.

“Questo nuovo telaio ultraleggero in fibra di carbonio vanta una maggiore solidità strutturale e livelli di qualità più elevati che mai – le parole di Mike Flewitt, Chief Executive Officer di McLaren Automotive – con la nuova struttura, MCTC che sta crescendo rapidamente ed a cui viene riconosciuto un ruolo di primo piano per la ricerca, l’applicazione, creazione e produzione di materiali compositi”.

L’architettura sarà alla base della prossima generazione dei modelli ibridi del marchio McLaren, quando il marchio entra nella sua seconda decade di produzione di veicoli di serie.

Una supercar Sport Series

Secondo le ultime indiscrezioni, il costruttore di Woking sarebbe al lavoro su una supercar della Sport Series dotata di tecnologia ibrida plug-in. La nuova sportiva inglese dovrebbe quindi aggiungersi alla gamma più “tradizionale” composta da 540C, 570GT, 570S e 600LT.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati