Audi A4 Avant 2020 | Com’è & Come Va

Audi A4 Avant: la nostra video prova su strada con commenti e pagelle

Dire che l’Audi A4 sia una delle auto più importanti di Ingolstadt è ancora poco. Si tratta di una vera e propria icona dei Quattro Anelli, deputata a duellare con alcune delle avversarie più importanti del mercato, come Mercedes Classe C e BMW Serie 3. Oggi, tra l’altro, abbiamo per le mani uno dei modelli più interessanti in assoluto, soprattutto per chi desidera affrontare lunghi viaggi, ovvero l’A4 Avant 40 TDI quattro. Ed è giunto il momento di scoprire insieme Com’è e Come Va.

Estetica: diversi cambiamenti per una sw accattivante

Nonostante sia solo un facelift della quinta generazione, l’Audi A4 ha cambiato diverse cose dal punto di vista del design e questo ovviamente vale anche per la Avant, ovvero la versione station wagon. La sue dimensioni sono cambiate per quanto riguarda la lunghezza, che ora raggiunge i 4,76 metri, circa 24 millimetri in più rispetto a prima. Anche la larghezza è aumentata, ma di soli 5 millimetri e arrivando quindi ai 2,02 metri compresi gli specchietti. Il resto è invariato, con il passo stabile su 2,82 metri e l’altezza che arriva per la Avant a 1,43 metri. La nostra protagonista è dotata dell’allestimento top di gamma S Line Edition, che modifica anche l’esterno con alcuni extra molto belli da vedere. Stilisticamente, il cambiamento principale sul frontale riguarda la calandra, con la griglia single frame leggermente più larga rispetto al passato, ma soprattutto caratterizzata da listelli con disegno a nido d’ape. È stato aggiornato anche il disegno dei gruppi ottici con tecnologia LED Matrix, che comunque mantengono la loro forma complessiva. Sotto di essi troviamo le prese d’aria pentagonali, che rispetto al vecchio modello sono quasi raddoppiate e presentano ora degli speciali inserti cromati. Passando sulla fiancata notiamo prima di tutto delle nuove nervature orizzontali che mirano ad abbassare il baricentro visivo dell’auto. Il profilo del tetto è confermato, con la sua forma che poggia direttamente sui montanti posteriori e i mancorrenti per aumentare le capacità di carico. Confermato anche lo spoiler all’altezza del lunotto. L’impatto visivo è completato dai cerchi da 19 pollici con pneumatici da 245/35. Finendo con il retro, anche qui troviamo dei nuovi gruppi ottici con un listello cromato che li collega, così da aumentare la larghezza percepita. L’impianto di scarico è composto da due terminali che si trovano dietro ad una mascherina trapezoidale inclusa nell’estrattore. Il tutto porta ad un eccellente coefficiente aerodinamico do 0.27.

Abitacolo di livello premium

Naturalmente anche l’abitacolo dell’Audi A4 Avant è estremamente curato. In particolare troviamo numerosi elementi che puntano verso il comfort, una scelta più che comprensibile per una vettura che è stata pensata per i lunghi viaggi. Non che non possa essere un po’ “cattiva” nel momento del bisogno, ma in questo caso si è fatta più attenzione ad altri aspetti. Andiamo però con ordine. Appena saliti a bordo veniamo accolti dagli speciali sedili rivestiti con un misto di Alcantara Frequenz e pelle, con logo S Line punzonato sullo schienale. Non mancano naturalmente chicche come il riscaldamento, la ventilazione e la regolazione elettrica, anche se quest’ultima rappresenta un optional anche con questo allestimento top. Alziamo lo sguardo e troviamo il nuovo volante sportivo multifunzionale plus a tre razze, con rivestimento in pelle. Le pedaliere sono rivestite in acciaio inox. Guardandoci intorno notiamo anche degli speciali inserti in alluminio spazzolato. L’intera plancia è a sviluppo orizzontale e ha mantenuto le forme della versione precedente. Le sue linee, così come quelle di tutte le sellerie, sono evidenziate da delle speciali cuciture a contrasto, che integrano anche le cornici delle bocchette di areazione. All’interno del pacchetto S Line trovano molto spazio le tonalità nere e grigie, ma ovviamente la quantità di personalizzazioni disponibili anche al di fuori dei pacchetti di base è degna del nome di Audi. Per quanto riguarda i materiali, sull’allestimento a nostra disposizione abbondano Alcantara e pelle, sempre molto piacevole al tatto e alla vista.

Infotainment da fantascienza con doppio pannello

Il sistema di infotainment non è cambiato moltissimo, ma del resto non ne aveva bisogno. Quello di Audi è da anni uno dei più avanzati del settore ed è stata una delle prime ad offrire il quadro strumenti completamente digitale Audi Virtual Cockpit Plus, grazie al suo pannello full HD con diagonale da 12,3 pollici e una risoluzione da 1920 x 720 pixel, coadiuvato nel suo compito da un head-up display molto chiaro proiettato direttamente sul parabrezza. L’infotainment vero e proprio è invece gestito da un display touchscreen con diagonale da 10,1 pollici e una risoluzione da 1540 x 720 pixel. Lo schermo è leggermente inclinato verso il guidatore, così da migliorarne la leggibilità. Il software caricato è sempre l’MMI, molto sofisticato e con una buona velocità di risposta quando si immettono i comandi, senza dimenticare che, per minimizzare le distrazioni al volante, sono disponibili le gesture e, soprattutto, l’assistente vocale, seppur non avanzato come quelli di altri concorrenti. I servizi e il navigatore forniti dal sistema MMI sono di alto livello e molto pratici da usare. Ovviamente con i numerosi sistemi di integrazione, come ad esempio l’app myAudi che può creare anche delle chiavi digitali per avviare il motore, usare l’infotainment proprietario rimane la scelta più comoda e completa, per quanto l’integrazione con Apple CarPlay e Android Auto sia comunque disponibile. Parlando di smartphone, è possibile anche integrare la piastra per la ricarica a induzione.

Tanto spazio e bagagliaio fino a 1.495 litri

L’Audi A4 Avant può avere tutti gli optional del mondo, ma lo spazio a disposizione per una station wagon rimane comunque una condizione sine qua non. Non solo per quanto riguarda il bagagliaio, ma anche il resto dell’abitacolo. Iniziamo però subito dalla zona pensata per i bagagli, che si mostra decisamente capiente. Si parte da un minimo di 495 litri, ma abbattendo i sedili della fila posteriore, grazie ad un sistema molto pratico e semplice da usare, si arriva a ben 1.495 litri di capienza. La soglia è alta 63 cm ed è dotata di una protezione in acciaio inox per non rovinare la carrozzeria. Il portellone può essere elettrico e anche dotato di apertura a comando gestuale, con il classico piede sotto alla carrozzeria. Per quanto riguarda i sedili posteriori, si viaggia davvero comodi. La carrozzeria station wagon, del resto, è una garanzia, anche per i passeggeri più alti e voluminosi che potranno comunque godere di sufficiente spazio sia per le gambe che per la testa.

Prova su strada dell’Audi A4 Avant 40 TDI quattro

Una delle novità maggiori introdotte con l’Audi A4 Avant 2020 sono senza alcun dubbio le motorizzazioni ibride. Queste sono sviluppate su diverse meccaniche sia diesel che benzina, associandole ad una tecnologia MHEV a 12 volt e collegata ad una batteria agli ioni di litio da 10 Ah. Oggi, però, ci troviamo a bordo invece di una diesel particolarmente interessante: si tratta dell’A4 Avant 40 TDI quattro. Parliamo di una meccanica a gasolio capace di sviluppare una potenza di 190 Cv ad un regime compreso tra i 3.800 e i 4.200 giri al minuto, mentre la coppia si assesta sui 400 Nm disponibili tra i 1.750 e i 3.000 giri al minuto. La sua velocità massima dichiarata è di 230 km/h, mentre lo scatto da 0 a 100 viene coperto in 7,6 secondi. Il tutto è montato su una trasmissione a trazione integrale quattro, che quasi non ha bisogno di presentazioni, e un cambio automatico a doppia frizione S tronic a sette rapporti. Si tratta di una meccanica perfetta per questo genere di auto, capace di garantire una buona potenza a prescindere dal peso. Caricate pure tutte le valigie che volete, comunque non riuscirete a mettere in difficoltà questa station wagon. Anzi, sulla strada giusta viene quasi voglia di modificare l’assetto per divertirsi un po’. Tramite il sistema MMI è possibile scegliere tra comfort, auto, dynamic, efficiency e individual. Quest’ultima consente di agire anche sugli ammortizzatori, che possono passare da standard a comfort per poi arrivare alla configurazione sportiva che abbassa l’altezza da terra di ben 23 millimetri. La modalità dynamic agisce direttamente sull’erogazione della potenza, sulla risposta dello sterzo e sui rapporti del cambio S tronic, che dobbiamo dire si comporta egregiamente in qualsiasi modalità. La rigidità della vettura è in linea con il segmento e grazie alle carreggiate discretamente ampie l’A4 non soffre di beccheggiamenti anche su strade piene di curve. Peccato solo che la differenza a livello di durezza del volante sia quasi impercettibile. La modalità efficiency è disponibile grazie alla coppia molto alta ed è per merito suo che i consumi dichiarati secondo il ciclo WLTP tra i 5,8 e i 6,6 litri ogni 100 km, pari a circa 15-17 km al litro. Guidando in modo meno attento si finisce inevitabilmente più lontani da questa media, per quanto il peso della vettura carica avrà un ruolo determinante in questo senso. Per il segmento a cui fa riferimento l’A4 Avant, si tratta di un risultato decisamente adeguato. Durante la nostra prova siamo arrivati ad una media di 7.6 litri ogni 100 km, ovvero circa 13 km al litro. Guidando più tranquilli di quanto non abbiamo fatto noi renderà possibile migliorare ulteriormente questo risultato.

Allestimenti a disposizione

Dopo aver analizzato approfonditamente la nostra S line, diamo un’occhiata più in generale agli allestimenti disponibili per l’Audi A4 Avant 2020. In totale sono quattro i pacchetti tra cui scegliere:

– la Base, che prevede la radio MMI, il cruise control non adattivo, griglia single frame nera, cerchi da 16 o 17, quadro comandi monocromatico e sedili in tessuto Index.
– la Business, che introduce il quadro comandi digitale da 7 pollici, il sistema di navigazione Plus con MMI touch e i sedili elettrici.
– la Business Advanced, che prevede l’Audi Virtual Cockpti Plus di serie, i cerchi in lega da 17 pollici, il sistema di navigazione Plus con MMI Touch e il clima automatico tre zone.
– la S line edition, ovvero l’allestimento più sportivo e ricco, che avete potuto vedere nella nostra prova.

Gli altri motori in gamma

I motori disponibili sono molto variegati e oltre al 40 TDI della nostra prova troviamo anche una nutrita serie di benzina TFSI con potenze da 150, 190 e 245 Cv. Tutti questi si avvalgono della tecnologia mild hybrid da 12 volt. I diesel TDI comprendono anche versioni con potenza da 136, 163 e 286 Cv, con i primi due a loro volta equipaggiati con il sistema mild hybrid. Infine non dimentichiamo la versione a metano g-tron, con potenza da 170 Cv. Per quanto riguarda invece i pacchetti ADAS di assistenza alla guida, ne sono disponibili tre in tutto, naturalmente con vari livelli di completezza. Sul pacchetto di ingresso troviamo la frenata di emergenza con riconoscimento pedoni e l’assistente alla frenata per la collisione secondaria. Aggiungendo il pacchetto Tour si aggiungono il cruise control adattivo con gestione del traffico, il riconoscimento dei segnali stradali e l’assistenza per gli ostacoli sulla strada. Con il cruise è compresa anche l’assistenza attiva al mantenimento della corsia. Infine troviamo il City, che aggiunge il controllo attivo dell’angolo cieco e l’assistente al traffico trasversale posteriore, utilissimo in caso di parcheggio perpendicolare. Proprio a questo proposito, è disponibile anche il pacchetto assistenza al parcheggio, con telecamere perimetrali a 360° e gestione automatica della manovra.

Quanto costa la nuova Audi A4 Avant?

La nuova Audi A4 Avant 2020 parte da un prezzo di listino di 38.350 euro chiavi in mano. Parlando invece della motorizzazione 40 TDI che abbiamo avuto in prova, si parte da 45.200 euro, che salgono a 47.800 euro se si vuole anche la trazione integrale quattro. Se poi si vuole arrivare al livello di allestimento S line edition, il prezzo finale al cliente parte da 53.750 euro, ai quali naturalmente bisogna aggiungere il costo di eventuali extra.

Il nostro giudizio

In conclusione cosa ci è piaciuto di più di questa Audi A4 Avant per il 2020? Sono stati fatti degli aggiornamenti molto mirati a livello di design, che hanno reso indubbiamente molto più moderna e alla moda la vettura. Chi crede che le station wagon non possano essere affascinanti si dovrà ricredere. Anche perché comunque l’A4 Avant sa essere pure un po’ cattivella quando davvero lo si vuole. I suoi punti di forza però sono soprattutto la tecnologia e la comodità che ne deriva. Di difetti veri e propri non ne abbiamo veramente trovati. È l’auto perfetta? No, ovviamente. Quella non l’ha ancora creata nessuno. L’Audi A4 Avant, però, è un’auto di qualità e cosa succede alla qualità? Si paga. L’allestimento base non è molto generoso e per godere delle doti di questa vettura si deve per forza tirare un po’ in alto con il prezzo. Un problema che sotto alcuni aspetti si riflette anche sugli altri allestimenti. Se desiderate certe tecnologie, sarà quasi inevitabile aggiungere degli optional a parte.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Look accattivante. Tanta tecnologia. Comfort a bordo di livello premium.Allestimento di base non molto generoso. Listino un po’ appesantito dagli optional

Audi A4 Avant 40 TDI quattro: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★½ 
Ripresa:★★★★½ 
Cambio:★★★★☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★☆ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★★★ 
Posizione di guida:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★☆ 
Qualità/Prezzo:★★★½☆ 
Design:★★★★☆ 
Consumi:★★★★☆ 

Audi A4 Avant 2020 – Scheda tecnica

Dimensioni: 4.762 x 2.022 x 1.435 mm
Porte: 5
Posti: 5
Bagagliaio: da 495 a 1.495 litri
Prezzo: da 38.350 €
Allestimento: S Line
Motore: 40 TDI diesel
Cilindrata: 2.000 cc
Potenza: 190 Cv
Coppia: 400 Nm
Consumi: 5,8-6,6 lt/200 km (ciclo combinato WLTP)
Classe: Euro 6d-Temp

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati