FCA: con Stellantis addio a Panda. Le segmento B solo su base CMP francese

FCA: con Stellantis addio a Panda. Le segmento B solo su base CMP francese

Stellantis, ecco come cambia il mondo FIAT

FCA: con Stellantis addio a Panda. Le segmento B solo su base CMP francese

Ultimamente di Stellantis se ne sta parlando molto e noi ne stiamo dando il giusto spazio. Della “fusione” tra PSA e FCA vi abbiamo raccontato qui, i progetti futuri dell'”agglomerato” li abbiamo approfonditi qui, mentre ora vi diciamo che FIAT ha fatto sapere ai propri fornitori che le prossime vetture del gruppo, soprattutto quelle più compatte (segmento B), adotteranno tutte la piattaforma del gruppo francese PSA, la famosa CMP.

La Common Modular Platform di PSA è una “base” versatile, che permette al costruttore di donare agli stessi modelli più propulsori diversi, ora benzina-diesel, ora ibridi e pure elettrici, è ed è stata già utilizzata per creare auto francesi anche molto diverse tra loro, come Peugeot 208 e 2008 ma anche DS3 Crossback, Opel Corsa e, ancora, Opel Mokka. Si presume che le vetture Stellantis, basate su CMP saranno prodotte nello stabilimento di Tychy, in Polonia, fabbrica che attualmente produce la Fiat 500 e la Lancia Ypsilon che potrà permettere alla “casa delle stelle” di produrre fino a 400.000 unità all’anno.

Da segnalare che, con il passaggio a Stellantis, FCA potrebbe abbandonare del tutto la produzione di citycar. I costi per la conversione delle “piccole da città” all’ibrido e i relativi bassi guadagni dalle vendite di questo segmento lasceranno a PSA l’onere di produrre le uniche citycar del gruppo, come C1 e 108, che saranno comunque totalmente convertite all’elettrico. E’ un addio alla Panda. Anche se rimane qualche speranza per un diverso futuro.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati