Ferrari Monza SP1: si aggiudica il prestigioso Compasso d’Oro

Ferrari Monza SP1: si aggiudica il prestigioso Compasso d’Oro

"Si proietta nel futuro, facendo tesoro della memoria"

Ferrari Monza SP1: si aggiudica il prestigioso Compasso d’Oro

La Ferrari Monza SP1 riceve il prestigioso Compasso d’Oro, uno dei più ambiti riconoscimenti nel settore del design industriale. La vettura di Maranello è stata premiata per la capacità della vettura di “proiettarsi nel futuro facendo tesoro della memoria e senza cadere nel vintage”. La premiazione si è svolta a Milano, alla presenza dei rappresentanti del cavallino Flavio Manzoni e Jane Reeve.

La terza Ferrari a ricevere il premio

Il Compasso d’Oro è stato istituito nel 1954 ed è il più antico premio mondiale di design industriale. Viene assegnato a cadenza biennale, sulla base di una preselezione effettuata dall’Osservatorio permanente del Design dell’ADI costituito da esperti, designer, critici, storici e giornalisti specializzati.

La Ferrari Monza SP1 è la terza vettura del Cavallino ad ottenere questo premio, già vinto precedentemente dalla F12berlinetta nel 2014 e della FXX K nel 2016. Un tris d’assi per la rossa.

Spinta dal V12 da 810 cavalli

La vettura di Maranello è stata presentata al Salone di Parigi 2018, assieme alla ‘cugina’ SP2, e riprende il tema delle barchette da competizione, dalla ‘capostipite’ 166 MM del 1948 fino alle iconiche 750 Monza e 860 Monza.

La Ferrari Monza SP1 è spinta dal motore V12 6.5 litri da 810 cavalli e 719 Nm di coppia massima, abbinato al cambio F1 a doppia frizione e sette marce. Le prestazioni sono di alto livello e, quindi, ‘da Ferrari’: accelerazione da 0 a 100 chilometri orari in 2,9 secondi, i 200 km/h raggiunti in 7,9 secondi da fermo ed una velocità massima superiore ai 300 chilometri orari.

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati