Modulo Blu RC Auto: come evitare errori di compilazione

Modulo Blu RC Auto: come evitare errori di compilazione

Come compilare il modulo di constatazione amichevole

Modulo Blu RC Auto: come evitare errori di compilazione

Il Modulo Blu, cioè la constatazione amichevole, è il documento con il quale si può effettuare la denuncia di un sinistro. Permette di semplificare ed accelerare le pratiche di risarcimento dei danni subiti, se firmato da entrambi i conducenti coinvolti nell’incidente, con la possibilità di avvalersi della procedura di risarcimento diretto. Ma è importante compilarlo nella maniera corretta.

La compilazione del Modulo Blu

Tramite questo documento, infatti, è possibile fotografare correttamente la scena dell’incidente e valutare le colpe e le cause del sinistro. Vanno seguite le istruzioni riportate sull’ultima pagina per una corretta compilazione, per la quale non devono mai mancare dei dati essenziali:

– La data, il luogo e l’ora dell’incidente
– Le targhe dei due veicoli
– Le generalità degli assicurati e/o dei conducenti
– Le denominazioni delle due compagnie assicurative
– La descrizione della dinamica dell’incidente
– Le firme di uno o di entrambi i conducenti

Le firme

La firma congiunta del documento, come dicevamo, consente una gestione più semplice dell’incidente e tempi di risarcimento più rapidi. Ma se c’è disaccordo sulla dinamica, allora il modulo dovrà essere firmato solamente da un conducente. Fornendo alla propria compagnia anche ogni elemento di prova sulla dinamica, come la dichiarazione di testimoni o l’intervento delle autorità.

La dinamica del sinistro

Per riportare la dinamica del sinistro vanno barrate, per entrambi i veicoli coinvolti, le caselle che descrivono la modalità del sinistro. In corrispondenza del veicolo, inoltre, vanno indicati con una croce il punto di contatto che ha determinato l’iniziale urto. C’è anche un riquadro a quadretti per fare uno schizzo della dinamica del sinistro.

Basta un solo Modulo Blu

E’ sufficiente compilare un solo Modulo Blu. Ciascun modello è infatti composto, oltre all’originale, di 3 copie carbone. I quattro fogli così compilati (il primo in originale, gli altri tre in copia carbone) andranno così distribuiti: due copie vanno alle parti e altre due alle rispettive assicurazioni.

Leggi altri articoli in Assicurazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati