Porsche Taycan: l’elettrica con le livree storiche del Motorsport [FOTO]

Stanno percorrendo le strade italiane nel Taycan Tour

La Porsche Taycan incontra la storia del Motorsport del marchio tedesco. L’elettrica va in tour per l’Italia con le livree storiche delle più famose 917 da corsa, che hanno reso leggenda la casa di Stoccarda nel mondo delle corse. Si tratta della livrea bianca e verde per chiamare il primo prototipo 917, quella bianca e rossa che vinse Le Mans 1970 e quella rossa ‘Pink Pig’.

Il Taycan Tour in giro per l’Italia

Il Taycan Tour, come detto, sta attraversando l’Italia. Si è già fatto notare per le strade di Forte dei Marmi, Firenze, Roma, Bari e Napoli e, nelle prossime settimane, transiterà per altre 9 città italiane: Bologna (22/09), Modena (23/09), Mantova (24/09), Padova (26/09), Vicenza (29/09), Verona (01/10), Varese (03/10), Torino (06/10) e Milano (08/10).

Tre livree per una leggenda

Entrando più nel dettaglio di queste livree, la 917-001 è datata 1969 e fu realizzato per la prima Porsche 917, appunto con il numero di telaio 001. Fu completata a soli due giorni dalla conferenza stampa di presentazione del Salone di Ginevra e non scese mai in pista.

Trionfò alla 24 Ore di Le Mans, invece, la livrea 917 KH del 1970. Fu il primo successo del marchio di Stoccarda nella storica corsa francese, a cui ne seguirono altri 18. Dopo 4.607,81 chilometri esatti e 343 giri i piloti Hans Herrmann e Richard Attwood tagliarono per primi la linea del traguardo e regalarono questo importante trionfo a Porsche.

L’anno dopo fu protagonista la livrea 917/20, denominata ‘Pink Pig’. Fu costruita in un unico esemplare per partecipare alla 24 Ore di Le Mans per combinare i vantaggi della coda lunga e corta. Fu resa ancora più stravagante dalla carrozzeria rosa e divenne una delle 917 più famose.

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati