FCA: nuovi investimenti per continuare la crescita in Brasile

FCA: nuovi investimenti per continuare la crescita in Brasile

"Siamo nel pieno della crisi, ma vediamo il recupero"

FCA: nuovi investimenti per continuare la crescita in Brasile

Il Brasile è stato uno dei paesi più colpiti dalla pandemia e l’allarme per la crisi automobilistica era molto elevato. FCA ha una fetta importante del proprio mercato in Sudamerica e c’era molta preoccupazione sul tema, però la situazione è migliore del previsto. Così il programma di investimenti del Gruppo, quasi 2,5 miliardi di euro, sarà valido fino al 2025 e non solo fino al 2021.

Tanti lanci importanti in arrivo

Antonio Filosa, CEO di FCA America Latina, mostra ottimismo e guarda con fiducia al futuro: “Siamo ancora nel pieno della crisi ma ci sono chiari segnali dal mercato. Vediamo il recupero chiaramente, non con l’intensità di cui abbiamo bisogno, ma meglio di quanto ci aspettassimo e ci stiamo muovendo velocemente. Dobbiamo essere più ottimisti e guardare al futuro”.

Ci saranno lanci molto importanti nel prossimo futuro: tre nuovi SUV, due pick-up, quattro restyling e tre modelli completamente rinnovati. Per dare un’ulteriore spinta alla ripresa, sperando ovviamente di chiudere al più presto possibile l’emergenza sanitaria e le sue incertezze.

Un SUV a sette posti Jeep

Tra queste novità, in primo piano, ci sarà un nuovo SUV firmato Jeep a sette posti. Un modello molto importante per consolidare il marchio nel mercato brasiliano, dove prossimamente ci saranno anche novità per quanto riguarda l’elettrificazione, con modelli soprattutto ibridi.

Infine, verranno introdotte anche nuove tecnologie per quanto riguarda il sistema di infotainment e per i sistemi di assistenza alla guida, così come sarà disponibile una nuova trasmissione CVT.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati