RC Auto: Lombardia e Lazio al top nell’assicurazione contro i furti

RC Auto: Lombardia e Lazio al top nell’assicurazione contro i furti

La Fiat Panda è l'auto su cui è più richiesta la polizza

RC Auto: Lombardia e Lazio al top nell’assicurazione contro i furti

Il furto è uno dei timori principali degli automobilisti. Un investimento ingente per una vettura, per vederla sfumare da un momento all’altro. Così l’assicurazione per il furto è una delle garanzie accessorie più richieste, quando viene sottoscritta una polizza RC Auto. La Lombardia ed il Lazio sono le due regioni italiane dove viene più richiesta, da circa un automobilista su quattro.

Le regioni con maggiore diffusione

Entrando più nel dettaglio, la Lombardia ha una diffusione del 25,57% della polizza furto ed il Lazio il 20,83%. Ben più distaccate le altre regioni italiane: sul terzo gradino del podio c’è il Piemonte (10,84%), poi Emilia-Romagna, Veneto e Toscana con percentuali superiori al 5%.

Nonostante la Campania sia la regione più colpita dai furti d’auto, con oltre 23mila auto rubate nel corso del 2019, solamente il 2,03% degli automobilisti accoppia la propria RC Auto alla polizza furto. Probabilmente anche a causa dei costi più elevati della polizza assicurativa.

Le auto più assicurate contro il furto

Al primo posto tra le auto con il maggior numero di preventivi per la garanzia accessoria sul furto c’è la Fiat Panda, con il 7,32% del totale dei preventivi furto. Non un dato sorprendente, essendo l’auto di gran lunga più venduta sul mercato italiano da moltissimi mesi a questa parte.

Il podio di questa speciale classifica è occupato dalla Volkswagen Golf (5,88%) e dalla Toyota Yaris (4,93%), poi nella Top 5 troviamo anche Renault Clio e Lancia Ypsilon. Tutti modelli ampiamente diffusi nel nostro Paese.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Assicurazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati