BMW Serie 4 2020: la PROVA SU STRADA della coupé tedesca [FOTO]

Le sensazioni di guida sulla versione 420d xDrive

“Una pietra miliare della storia BMW”, così la casa tedesca presenta la nuova BMW Serie 4 Coupé. Un modello notevolmente rinnovato, con il tanto discusso ampio doppio rene frontale ed altre novità sia dal punto di vista estetico che tecnologico, oltre all’introduzione della tecnologia mild-hybrid sui motori diesel e sulla versione più potente M440i. Il lancio italiano è previsto per il 24 ottobre.

Qualche giorno prima del debutto nelle concessionarie, abbiamo avuto l’occasione di metterci al volante in anteprima di questo atteso modello, sulle strade di Fontanafredda e delle Langhe piemontesi, in un percorso misto e piuttosto tortuoso. Per avere una prima impressione su come va la coupé tedesca, in attesa di poter fare una prova più completa e dettagliata.

Le caratteristiche ed il design

Devo dire la verità, visto in fotografia, quel doppio rene enorme non mi piaceva troppo a livello personale e sono arrivato a Fontanafredda con più di un dubbio. Osservando la vettura dal vivo, però, l’effetto è completamente un altro e si allinea perfettamente al resto della nuova BMW Serie 4. Anzi, dopo un po’, non ci fai nemmeno più così tanto caso. Poi resta sempre un gusto estetico personale, che può piacere oppure no, ma il consiglio è di vederlo dal vivo.

Il “musone” non è l’unica caratteristica del modello tedesco, contraddistinto anche per la carrozzeria a tre porte e tetto discendente da coupé. Nuovo è lo sguardo luminoso all’anteriore con sottili fari a LED (optional i fari a LED adattivi con BMW Laserlight) e al posteriore sempre a LED con le luci che si assottigliano man mano che si sviluppano verso il centro del portellone del bagagliaio. Il laterale è scolpito e con il finestrino allungato e tetto da coupé sembra essere in movimento anche da ferma.

La nuova Serie 4 è un’auto atletica e sportiva che sa mantenere un tocco d’eleganza tipica delle coupé di Monaco di Baviera. Nonostante la condivisione con Serie 3 della stessa piattaforma modulare CLAR sono tante le differenze non solo a livello di design ma anche a livello tecnico. Infatti, la rinnovata vettura tedesca è più bassa di 57 mm, ha la carreggiata posteriore più larga di 23 mm, è più lunga nel passo di 42 mm e il baricentro è più vicino a terra di 21 mm.

Gli interni e la tecnologia

Nonostante la presa di distanza quasi totale, dobbiamo dire che l’abitacolo è più simile a quello della Serie 3. La dotazione prevede il Control Display centrale fino a 10,25″ che integra i protocolli di Apple CarPlay e Android Auto oltre alla connettività wireless con WiFi di bordo. Il quadro strumenti è interamente digitale con uno schermo da 12,3″ che integra tutte le funzionalità del computer di bordo, il volante è sportivo a tre razze rivestito in pelle e i sedili seguono questa impostazione che coniuga eleganza a sportività essendo rivestiti in pelle ma avendo una ergonomia molto contenitiva. Sono molto comodi e permettono anche di effettuare viaggi più lunghi, senza pagare con la stanchezza.

Di serie il parabrezza è isolato acusticamente, ne parleremo nella parte sulla prova, e c’è il nuovo clima automatico a tre zone mentre a livello di optional si può avere il tetto in vetro scorrevole, l’illuminazione ambientale “Welcome Light Carpet”, l’impianto audio Harman Kardon e il riscaldamento abitacolo da remoto controllabile da smartphone o BMW Display Key. Come tipicamente da coupé, dietro c’è posto solo per due persone per un totale di quattro persone in abitacolo, anche se l’aumento del passo, permette un buono spazio per i passeggeri posteriori.

Come va la nuova BMW Serie 4

Ora entriamo però nella parte più ‘succosa’ dell’articolo, cioè le impressioni di guida del primo contatto con la nuova BMW Serie 4 Coupé. Una prova effettuata con la versione 420d xDrive, cioè con il 2.0 diesel da 190 CV e 400 Nm di coppia massima, con la tecnologia mild hybrid 48 V, per recuperare energia in frenata e ottimizzare il funzionamento dello start&stop. Una delle prime sensazioni è la silenziosità dell’abitacolo: l’atmosfera è ovattata, in qualsiasi situazione.

Praticamente non si sente il rotolamento degli pneumatici o i fruscii, anche quando si schiaccia un po’ di più il piede sull’acceleratore, permettendo un elevatissimo comfort acustico. Aiutano anche le sospensioni, in grado di assorbire bene buche o disconnessioni del terreno. L’accelerazione è immediata, con un allungo importante, ma sempre fluido, aumentando così il piacere di guida, senza penalizzare il comfort. Pur dovendo stare attenti ai limiti, quasi non ci si accorge di superarli, la nuova Serie 4 è un’auto davvero facile da guidare.

Questo anche grazie ad uno sterzo diretto e preciso, senza essere troppo sensibile, che ha aiutato nel percorso tortuoso nelle Langhe piemontesi ed anche nelle strade più strette. Il cambio automatico Steptronic ad otto rapporti, di serie su tutte le versioni della coupé tedesca, è rapido, seppur ogni tanto si senta un po’ la cambiata. Pur senza dare fastidio a chi è al volante. Dunque, le prime sensazioni su questo modello sono state davvero molto buone.

Diamo uno sguardo anche ai consumi: la casa tedesca dichiara un consumo medio nel ciclo combinato, per la versione 420d da noi provata, compreso tra 4,3 e 4,6 l/100 km. I dati rilevati dal computer di bordo sono un po’ più alti: 7,3 litri ogni 100 km nei 108,8 chilometri percorsi, ad una media di 47,4 km/h. C’è da dire che, esclusa una decina di chilometri, non abbiamo percorso autostrada e non siamo entrati in centri urbani, percorrendo solo strade extraurbane.

I motori ed i prossimi arrivi

L’offerta motorizzazioni è ampia e prevede propulsori benzina, diesel ed elettrificati. Le versioni con il motore benzina 4 cilindri in linea da 3 litri sono la 420i da 184 CV, la 430i da 258 CV mentre lato motori a gasolio troviamo il 4 cilindri 2 litri diesel 420d da 190 CV (disponibile anche con la trazione integrale xDrive). Solo dal 2021 entrerà in gamma la versione 430d xDrive con il 3 litri a gasolio 6 cilindri in linea da 286 CV e la versione top di gamma diesel M440d xDrive con lo stesso motore portato a 340 CV.

Tutti i motori diesel, come anche quello della nostra prova, hanno ricevuto l’omologazione ibrida grazie al modulo elettrico da 48 V che fornisce anche un boost di 11 CV. Il top di gamma per le versioni a benzina, e unico 6 cilindri in linea, è rappresentato dalla versione M440i xDrive da 374 CV e 500 Nm di coppia abbinato alla tecnologia mild-hybrid a 48 Volt. È in arrivo anche la BMW M4 Competition, con 510 CV di potenza, nelle concessionarie da marzo 2021.

I prezzi della coupé tedesca

Chiudiamo parlando dei prezzi della nuova BMW Serie 4 Coupé. Il listino per il mercato italiano parte da 50.750 euro per la versione d’ingresso 420i ed arriva a 77.000 euro per il top di gamma M440i xDrive. La vettura che abbiamo guidato, cioè la 420d xDrive, ha un costo di 53.050 euro. Per tutte le motorizzazioni, esclusa la M440i, è disponibile il pacchetto M Sport, aggiungendo 5.250 euro.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati