Polstrada, weekend “nero”: 255 patenti ritirate e 15.363 punti decurtati

Grande lavoro di vigilanza da parte delle pattuglie della Polizia Stradale

Polstrada, weekend “nero”: 255 patenti ritirate e 15.363 punti decurtati

Non si ferma l’attività delle Forze dell’Ordine in un periodo particolarmente delicato, anche a causa della situazione legata alla pandemia da COVID-19. L’ultimo fine settimana, quello del 17 e 18 ottobre, si è rivelato particolarmente intenso per gli agenti della Polizia stradale, che hanno dovuto lavorare praticamente senza sosta. Questo per effettuare quanti più controlli possibili al fine di garantire la sicurezza sulle strade di tutta Italia. Gli accertamenti più frequenti, oltre l’utilizzo del telefono cellulare alla guida e il rispetto dell’obbligo di indossare le cinture di sicurezza (obbligatorie anche per i passeggeri posteriori), sono stati quelli relativi a gravi reati quali guida sotto l’effetto di alcool e droghe, furti e spaccio di sostanze stupefacenti

Polizia Stradale: strage di patenti e veicoli sequestrati

Parlando di numeri, le pattuglie della Polstrada, su disposizione della direzione centrale delle specialità della Polizia di Stato, hanno effettuato controlli su ben 20.013 persone e 17.950 veicoli, in particolar modo nelle zone maggiormente frequentate nelle ore notturne, quelle della movida, che vede, purtroppo, protagonisti i più giovani.
Il bilancio è da bollino nero: 255 patenti sono state ritirate e 15.363 sono invece i punti decurtati.
Ben 12.909 le infrazioni accertate, 98 i conducenti positivi all’alcool test e 8 al consumo di droghe.

Grandi numeri anche per quanto riguarda il sequestro di veicoli per reati di vario genere: la Polstrada ha sequestrato, infatti, ben 35 veicoli con 90 persone denunciate per reati di spaccio e furto.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati