Auto e Moto d’Epoca: mostre ed esemplari interessanti nella 37ª edizione

Dal 22 al 25 ottobre 2020

Auto e Moto d’Epoca: mostre ed esemplari interessanti nella 37ª edizione

Da oggi parte la nuova rassegna del salone internazionale Auto e Moto d’Epoca presso la Fiera di Padova, che cattura l’attenzione di diversi appassionati di classiche in un variegato panorama di brand e creazioni. L’inaugurazione ufficiale è prevista il 23 ottobre alle ore 11:00, ma già nella giornata è scattata la 37ª edizione.

L’evento del 2020

La passione è uno degli ingredienti fondamentali anche nell’occasione, tenendo sempre presente la sicurezza. Si segnalano in particolare tre caratterizzanti mostre dedicate alla creatività italiana, alle due ruote e ai prototipi di Porsche che hanno trionfato a Daytona e a Le Mans.
In evidenza diversi esemplari in esposizione legati alla storia e alla cultura motoristica del loro tempo. Non mancano gli specialisti del restauro, i ricambi, i modellini, gli oggetti da collezione o i capi vintage che arricchiscono l’appuntamento. Così come sono protagonisti i club storici e, nell’occasione, il ricordo di diversi anniversari come i 110 anni di Alfa Romeo, gli 85 del marchio Jaguar, i 60 dell’esemplare Lancia Flavia e i 50 di Range Rover, citandone alcuni.
In base alle informazioni, la vettura più antica risulta una Bugatti T13 che compie 100 anni, mentre tra le più rare la ASA 1000 GT del 1965, altrettanto nota come la “Ferrarina” sviluppata da un’idea di Enzo Ferrari con un telaio di Giotto Bizzarrini, meccanica di Carlo Chiti e carrozzeria Bertone con un design pensato da un giovanissimo Giorgetto Giugiaro, riprendendo le informazioni. Nello stand di Aci Storico poi, giunta dalla Presidenza della Repubblica, una Maserati Quattroporte blindata del 1983 impiegata nel corso degli impegni istituzionali dell’allora Presidente Sandro Pertini.
Nel corso del salone è prevista l’anteprima europea della nuova Mercedes Classe S. Si cita anche la presenza della nuova Bentley Bentayga e delle nuove McLaren 720 Coupé e 600LT Spyder.
Mentre passando alle moto, si segnala il lancio italiano della nuova cruiser BMW R 18, ma vi è anche la prima partecipazione dell’Esercito Italiano e un prospetto della collezione Morbidelli, con oltre 70 esemplari anteguerra acquisiti dall’ASI, come ricordato.
Tornando alle annunciate mostre, la prima è intitolata “L’ordinario diventa straordinario”. Una retrospettiva organizzata assieme ad Aci Storico nel padiglione 3 con la presenza di dieci modelli sviluppati da specialisti italiani giunti dalle collezioni dei principali musei dell’auto in Italia, spaziando dal MAUTO di Torino al Museo Nicolis di Verona. Per citarne qualcuno: il Bisiluro Tarf di Piero Taruffi, il Nibbio di Lurani o la Cisitalia D46 guidata senza volante dal mitico Tazio Nuvolari.
La seconda esposizione riguarda le moto sportive, intitolata “L’uomo che ha sconfitto i giganti”. Si tratta di venti esemplari provenienti dalla collezione delle Moto dei Miti di Genesio Bevilacqua. Un omaggio alla storia della scuderia Althea Racing, vittoriosa e iridata in cinque occasione considerando i Mondiali Superbike e Superstock.
La terza mostra è invece dedicata ai prototipi Porsche in un arco di 30 anni, considerando il celebre successo a Le Mans del 1970.

Immagine: Auto e Moto d’Epoca

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati