Uber: offerta da un miliardo di euro per acquisire Free Now

Daimler e BMW sono indecise sul possibile affare

Uber: offerta da un miliardo di euro per acquisire Free Now

Uber punta sui taxi. Sembra quasi un controsenso, viste le battaglie degli anni scorsi dei tassisti nei confronti della società americana, ma pare proprio così. Secondo l’autorevole rivista tedesca Manager Magazin, infatti, è stata formulata un’offerta dall’azienda di circa un miliardo di euro per acquisire Free Now, l’app di ride hailing frutto della joint venture tra Daimler ed il Gruppo BMW.

Free Now e l’app MyTaxi

Poco più di un anno fa, all’interno di Free Now, è stata inglobata anche l’app MyTaxi. Questo servizio permette di richiedere o prenotare una corsa con un taxi e di pagarla tramite lo smartphone, anche con un conto PayPal. È disponibile in numerose città europee ed è utilizzata da 10 milioni di utenti.

Gli effetti della pandemia si sono fatti sentire però nella categoria ed anche per questa attività, con una riduzione sensibile del numero delle corse ed anche con dei tagli del personale.

Daimler e BMW divise sull’opportunità

L’offerta è importante e le due società del mondo automotive stanno valutando di ridimensionare la loro presenza nelle nuove forme di mobilità, anch’esse in difficoltà per le conseguenze economiche del Covid-19. Tuttavia, non è così scontato l’affare vada in porto.

Secondo le indiscrezioni, infatti, ci sarebbero delle visioni diverse tra Daimler e BMW sulla questione: la prima sembra già pronta a vedere immediatamente la propria quota ad Uber, mentre l’altra casa tedesca vorrebbe concedere solo una partecipazione di minoranza alla società americana. Le prossime settimane potrebbero vedere sviluppi importanti, in un senso o nell’altro, sulla vicenda.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati