Mercedes Classe S 2020: l’anteprima ad Auto e Moto d’Epoca di Padova [VIDEO]

Mercedes Classe S 2020: l’anteprima ad Auto e Moto d’Epoca di Padova [VIDEO]

Intervista speciale a Eugenio Blasetti, capo relazioni esterne Mercedes-Benz Italia

Mercedes Classe S 2020: l’anteprima ad Auto e Moto d’Epoca di Padova [VIDEO]

Al tradizionale appuntamento di Auto e Moto d’Epoca 2020, in scena fino a domenica 25 ottobre a Padova, lo stand di Mercedes-Benz diventa una importante vetrina per la presentazione in anteprima nazionale della nuova Mercedes Class S 2020. Un ponte temporale tra passato e presente visto che la rinnovata ammiraglia è in compagnia delle più rappresentative S della storia della Stella selezionate insieme al Mercedes-Benz Registro Italia. Il capo della comunicazione e relazioni esterne di Mercedes-Benz Italia, Eugenio Blasetti, ci racconta in video l’importanza della presenza alla fiera di Auto e Moto d’Epoca 2020 della nuova Classe S (domani esce la nostra prova su strada sia sul sito sia sul nostro canale di Youtube).

Tra titoli e première

La regina delle ammiraglie premium si mostra anche al Salone di Padova, per la prima volta in Europa, dopo il debutto internazionale al Salone di Pechino dello scorso settembre. La nuova Classe S, come da tradizione, porta in dote tecnologie in grado di rivoluzionare l’intero mondo dell’automobile. Lei è una “ambasciatrici delle grandi innovazioni” e viene riconosciuta globalmente come la “migliore auto del mondo”. Sono quattro i modelli che raccontano a Padova la storia di Classe S con i valori identificativi di questa ammiraglia: esclusività, innovazione, performance e stile

L’incontro con la storia

Alla fiera di Padova si possono scoprire le versioni di Mercedes Classe S più significative che hanno fatto diventare una vera e propria icona questo specifico modello con tutte le “rivoluzioni” introdotte generazione dopo generazione. La tradizione delle grandi berline della Stella risale ai primi anni del secolo scorso e continua in epoca moderna con la W186 ‘Adenauer’, che in qualche modo rappresenta le origini di Classe S nel dopoguerra. La storia inizia, infatti, nell’aprile del 1951 quando, al primo Salone Internazionale dell’Automobile di Francoforte, tra le molte novità presentate, spiccano alcuni modelli di classe superiore. Una tra tutte, il modello 300, la vettura di serie più grande, esclusiva e veloce della produzione tedesca del suo tempo, che fin dal debutto fissa nuovi standard nel segmento premium. La W 186 e la successiva W 189 divengono ben presto l’auto di rappresentanza per eccellenza, sia in ambiente politico che industriale, il picco più alto dell’ingnegneria automobilistica dell’epoca. Per questo motivo, il modello entra nella storia come la ‘Mercedes Adenauer’: fu infatti l’auto di servizio preferita dall’allora cancelliere tedesco Konrad Adenauer, che per tutto il tempo del suo mandato utilizzò esclusivamente questa vettura, anche nei viaggi all’estero. La sua prima auto ufficiale, del 1951, è esposta oggi nel museo ‘Haus der Geschichte’ di Bonn, mentre il modello 300 d del 1959, che Adenauer ha utilizzato dopo aver lasciato la scena politica, fa oggi parte della collezione del Museo Mercedes-Benz di Stoccarda. Dal 1963, il ruolo di ‘first lady’ per re e politici passò dalla Adenauer alla 600 della serie W 100, che ne raccolse l’eredità anche nella mitica versione Pullman, disponibile solo con motorie 8 cilindri. A Padova sarà esposta una Mercedes 300 W 189 del 1960.

I modelli Codine o Heckflosse

Meno impegnativi come motorizzazioni e dimensioni, ma altrettanto esclusivi sono i modelli ‘Codine’ o ‘Heckflosse’ che, oltre al design unico e distintivo, rappresentano vere e proprie pietre miliari di innovazione, legata soprattutto alla sicurezza passiva. Introdotta nel 1959, la serie W 111/W 112, porta a bordo per la prima volta il nuovo brevetto di Béla Barényi: una robusta cella di protezione per i passeggeri con zone di deformazione nella parte anteriore e posteriore. Anche gli interni furono progettati all’insegna della sicurezza con piantone di sterzo collassabile, volante imbottito centralmente, cruscotto imbottito, strumenti flessibili e parzialmente incassati. Un’altra caratteristica importante sono le nuove serrature speciali delle porte, che migliorano ulteriormente la sicurezza. Tra le curiosità legate a questa serie, le fintails, due piccole codine da cui deriva il soprannome che da sempre accompagna questo modello: una concessione stilistica influenzata dalla moda del momento che, con un design decisamente più sobrio, strizzava l’occhio allo stile delle auto americane. In mostra a Padova una W 111 220 SE ‘Codine’ del 1963.

I modelli 250 S, 250 SE e 300 SE

Nell’agosto 1965, debuttano i modelli 250 S, 250 SE e 300 SE, accomunate dallo stile di Paul Bracq, il cui elemento distintivo era la semplicità delle forme. Le codine si riducono fino a diventare quasi impercettibili e il design è immune dalla contaminazione delle mode, caratterizzato da un’eleganza sobria, che ancora oggi ha mantenuto la sua essenza senza tempo. Tre anni più tardi, nel 1968, fa il suo esordio la sua espressione più sportiva: la 300 SEL 6.3. Equipaggiata con un motore V8 da 250 CV viene presentata per la prima volta al Salone di Ginevra, con grande sorpresa di stampa e addetti ai lavori, perché nessuno si aspettava che l’ammiraglia per eccellenza della Stella potesse sconfinare in una sportività così decisa e marcata. Evidentemente non la pensavano così Aufrecht e Melker, i fondatori di AMG, che la iscrivono alla 24 Ore di Spa del 1971, potenziandone il motore. La 300 SEL 6.8 tagliò il traguardo al secondo posto, sfilando sotto le tribune in un’inedita livrea rossa, che le regalò il soprannome di Rote Sau, la scrofa rossa. Il modello esposto a Padova è una 300 SEL 6.3 (W 109) del 1968.

W126 negli anni ‘70 e primi ‘80

A cavallo tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80, la serie W 126 si afferma come trend setter per quanto riguarda stile e bellezza. Nata dalla matita di Bruno Sacco, è la prima Mercedes a rinunciare ai tradizionali paraurti cromati, sostituiti da paraurti deformabili in materiale sintetico, in grado di resistere ai piccoli urti in fase di manovra, senza riportare alcun danno. Il design della serie W 126, inizialmente considerato eccessivamente sobrio e anonimo da qualche osservatore, viene ben presto apprezzato per la sua eleganza senza tempo e ancora oggi rappresenta un importante modello di innovazione nel campo del design. Ma non solo: proprio sulla serie W 126, nel 1981 ha fatto il suo debutto nell’industria automobilistica l’airbag, che oggi rappresenta un elemento fondamentale per quanto riguarda la sicurezza dei veicoli. Altre peculiarità di questa generazione di Classe S sono le forme ottimizzate ai fini aerodinamici e la sistematica riduzione del peso allo scopo di abbattere le emissioni di sostanze inquinanti, cui contribuiscono anche i nuovi motori V8 in lega leggera. In rappresentanza di questa icona della Stella, a Padova è esposta una 500 SEL (W 126) del 1983.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati