Kia Sorento 2020, la quarta generazione è solo ibrida [VIDEO PROVA SU STRADA]

Design rivoluzionato, nuovi motori in arrivo e una carica tecnologica sorprendente

La Kia Sorento 2020 è la quarta generazione del SUV di segmento D che sin dal suo lancio, risalente al 2002, ha rappresentato una delle colonne fondamentali della popolarità del marchio coreano in Europa. Anche in Italia abbiamo potuto a più riprese testimoniare come la casa asiatica abbia compiuto dei passi notevolissimi in termini di qualità percepita nel corso degli anni e questo è avvenuto anche con questa sette posti. Si tratta senza alcun dubbio di una vettura pensata per le grandi famiglie e per chi vuole viaggiare, sopperendo alle sue dimensioni ragguardevoli con un carico tecnologico non solo completo, ma anche capace di qualche idea decisamente innovativa. Idee che abbiamo potuto mettere per la prima volta alla prova sulle strade fuori Milano.

Kia Sorento 2020: semplicemente cambia tutto

Se vogliamo sono le forme generali le uniche caratteristiche rimaste invariate tra la precedente generazione e questa Kia Sorento 2020. Il resto è praticamente tutto cambiato. La casa coreana ha deciso di abbandonare lo stile molto muscoloso e arrotondato del Model Year 2018, sposando invece uno stile decisamente più netto e scolpito, andando incontro anche alle richieste del pubblico attuale. La zona frontale è quella forse cambiata maggiormente: prima di tutto la griglia Tiger Nose si è allargata. Adottando un design più moderno che comunque contribuisce a ricordare lo stile precedente con la doppia linguetta di carrozzeria centrale. La sua estensione va a inglobare i nuovissimi gruppi ottici, che per l’occasione sono stati a loro volta ribattezzati Tiger Eyes. Anche il fascione inferiore è stato pesantemente modificato, con le luci fendinebbia a Led spostate all’interno della griglia centrale inferiore, mentre al loro posto sui lati trova spazio una piccola presa d’aria per migliorare il flusso aerodinamico laterale. Le linee che partono dal cofano e che vengono poi riproposte sulla fiancata sono ora nettamente più marcate e dure e l’aspetto sportiveggiante del SUV viene esaltato da alcune placche laterali cromate. In generale la Kia Sorento misura 4,81 metri di lunghezza, 1,90 metri di larghezza, 1,69 metri di altezza e presenta un passo da 2,81 metri. Il quadro viene completato dai cerchi in lega, disponibili in misure da 17,18 e 19 pollici. Profondamente modificato anche il posteriore, con dei nuovi gruppi ottici doppi a sviluppo verticale, uno spoiler superiore che ora include la spazzola tergilunotto per uno stile più pulito (la battuta non è intenzionale, ve lo giuriamo), il nameplate Sorento che si estende completamente sotto la targa e, infine, un fascione inferiore con una cornice cromata che include luci fendinebbia posteriori e due terminali di scarico sportivi (solo esteticamente).

Un nuovo livello di qualità per la Kia Sorento

Un grande lavoro è stato fatto anche nell’abitacolo interno. Sia la cura nei dettagli che la scelta dei materiali hanno fatto un balzo in avanti considerevole. Si è fatto un grande uso di stoffa, pelle e pelle Nappa trapuntata nera. La parola d’ordine, però, è sempre lo spazio, come al solito incredibilmente abbondante. La Kia Sorento può essere infatti configurata anche con sette posti a sedere, molto comodi e dotati di tutti i confort, accessibili inoltre tramite un pratico pulsante elettrico. Le bocchette per l’aria condizionata danno quasi un aspetto “aeronautico” al cruscotto, strizzando l’occhio ad un pubblico con gusti decisamente meno classici. La raffinatezza però è sempre molto alta e lo si percepisce al tatto. Così come la tecnologia: doppio schermo a disposizione del conducente. Il primo, da 12,3 pollici, è quello del quadro comandi, mentre il secondo per l’infotainment è da 10,25 pollici, caricato con il software UVO Connect e compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. Chiudiamo con il bagagliaio, che parte da un minimo di 179 litri con tutte le sedute in posizione, terza linea compresa, oscilla tra i 608 e gli 813 con solo la seconda, mentre abbattendo tutto si tocca un apice di ben 1.996 litri. In tutto sono disponibili tre allestimenti: Business, Style ed Evolution.

D’ora in poi sarà solamente ibrida

Niente più diesel per la Kia Sorento 2020. Il ruolo di motore per chi “macina” chilometri sarà preso definitivamente dall’ibrido, che per ora è disponibile solamente in versione full, ma che nel 2021 conterà anche su una meccanica plug-in hybrid. La Full Hybrid è ovviamente la versione che abbiamo potuto provare in questo nostro primo contatto ed è composta da un motore 1.600 turbo benzina T-GDi, con una potenza da 230 Cv e una coppia da 350 Nm. Il tutto è associato ad un pratico cambio automatico a ghiera a sei rapporti. La trazione potrà essere scelta sia anteriore che integrale e sarà l’unica meccanica con questa scelta. La plug-in, infatti, sarà solo integrale. La parte elettrica è gestita da un’unità da 44,2 kW con batteria da 1,49 kWh. Secondo i dati ufficiali dichiarati dalla casa, la Sorento a due ruote motrici presenta un consumo nel ciclo misto WLTP compreso tra i 6,3 e i 6,7 litri/100 km (14,9-15,8 km/litro), mentre la versione integrale si assesta tra i 6,8 e i 7,4 litri (13,5-14,7 km/litro).

Le dimensioni si sentono, ma si viaggia come in crociera

Ciò che ci ha maggiormente sorpreso quando ci siamo messi alla guida di questa nuova Kia Sorento 2020 è la facilità con cui si riesce a gestire un mezzo con un volume di questa portata. Certo, non è uno dei SUV più grandi in commercio, ma ha sicuramente una forte presenza su strada e questo si percepisce anche stando al volante. Proprio quest’ultimo, a nostro modo di vedere, si è dimostrato discretamente preciso, soprattutto per le medie di segmento. Il motore ibrido si comporta abbastanza bene, anche se la vocazione da “grandi viaggi” dell’auto si percepisce immediatamente guardando il pulsante di selezione della modalità di guida, che parte sempre e comunque da “Eco”. Poi si può spostare anche in modalità sport, per sfruttare un po’ di più quei 350 Nm di coppia a disposizione, ma è innegabile che il destino di questa vettura sia più viaggiare comodamente che correre. E questo destino lo adempio a dovere, grazie anche alla grande presenza di aiuti alla guida. Gli ADAS della Sorento, infatti, sono estremamente completi e sanno offrire solide certezze, come il cruise control adattivo e il controllo della corsia, insieme a idee decisamente originali. Il controllo dell’angolo cieco, infatti, fa un balzo in avanti epocale, secondo noi. Inserendo la luce direzionale, il quadrante della strumentazione dal lato interessato sparirà, sostituito dall’immagine della telecamera laterale. Praticamente la Sorento ha gli specchietti digitali insieme a quelli tradizionali. Promosso anche il cambio automatico, che non si fa praticamente mai sentire. Buona l’insonorizzazione, anche se a regimi autostradali le forme più squadrate dell’auto pagano un po’ dazio e fanno sentire qualche piccolo fruscio aerodinamico. Niente però di davvero fastidioso.

Quanto costa la nuova Kia Sorento 2020?

La nuova Kia Sorento 2020 è disponibile con un prezzo di listino che parte da 44.500 €, per i quali si ha diritto all’allestimento Business con la trazione a due ruote motrici. Il top di gamma, invece, è l’Evolution a trazione integrale, prezzata a 54.500 €.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati