Aston Martin: in arrivo le vetture elettrificate con tecnologia Mercedes

La prima dovrebbe essere la DBX ibrida nel 2023

Aston Martin: in arrivo le vetture elettrificate con tecnologia Mercedes

L’elettrificazione è sempre più un tema caldo per tutte le case automobilistiche ed è pronta ad entrare nel settore anche un marchio di lusso come Aston Martin. Proprio nei giorni scorsi è arrivata la notizia di una partnership rafforzata tra la casa britannica e Mercedes e, grazie alle tecnologie ibride ed elettriche della Stella, verranno sviluppati i modelli meno inquinanti del marchio.

Il primo modello è atteso per il 2023

È stato Tobias Moers, il CEO di Aston Martin, a parlare dell’ingresso nell’era elettrificata per la casa britannica, tramite un’intervista con Automotive News. L’obiettivo è arrivare a 10.000 unità vendute entro il 2024, di cui un quinto con modelli ibridi o elettrici. Il primo dovrebbe essere la DBX ibrida plug-in nel 2023, a cui farà seguito un modello elettrico nel 2025 o 2026.

Queste vetture saranno Aston Martin a tutti gli effetti, ma con una tecnologia Mercedes sotto il cofano, sfruttando la partnership ed il know-how della casa tedesca sul tema elettrificato. Invece, non è più d’attualità l’idea, del precedente CEO del marchio, di sfruttare Lagonda per le vetture ibride ed elettriche. Sarà usato per altro ed i veicoli elettrificati avranno il marchio Aston Martin.

Aston Martin e Mercedes anche in F1

L’accordo di collaborazione tra le due case ha portato anche Aston Martin alla decisione di entrare in Formula 1, dove proprio la tecnologia ibrida è in primo piano. A partire dall’anno prossimo, infatti, il costruttore britannico prenderà il posto dell’attuale Racing Point, con il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel ed il pilota canadese Lance Stroll.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati