Smart EQ Fortwo 2020 | Com’è & Come Va

La due posti "regina" della città 100% elettrica. La nostra prova completa

Smart EQ ForTwo 2020: la piccola tedesca si rinnova e dopo 22 anni abbandona definitivamente il motore termico convertendosi interamente all’elettrico.
È un cambiamento significativo che sancisce il passaggio al mondo delle zero emissioni.
Una bella scommessa quella di declinare all’elettrico tutte le tre le varianti Smart (Fortwo, Forfour, Fortwo Cabrio). Ma sarà una scommessa vincente?
Scopriamolo insieme in questo Com’è & Come Va!

Esterni: nuovi elementi distintivi

La versione in prova è la Smart EQ ForTwo che mantiene le misure che già conosciamo, ovvero 1,66 m di larghezza, e 1,55 m di altezza, ma che aumenta di 16 cm in lunghezza arrivando quindi a 2,69 metri.
Questo a causa del posizionamento del radiatore delle batterie sotto il pianale.
Il passo si attesta, invece, a 1.87 m. Tali misure le hanno permesso di garantirsi ancora una volta il primato di auto per le grandi metropoli.
Esternamente, la prima novità che balza agli occhi è costituita dal logo: il segno grafico scompare lasciando spazio alla moderna scritta Smart per esteso.

Non si può non notare immediatamente la rivisitazione del paraurti frontale, con una griglia dal nuovo ed imponente design, e del posteriore che presenta un gruppo fari con grafica a X, disponibili come optional in tecnologia full LED.
L’impatto estetico di questa rivisitazione è notevole, accompagnato anche da nuovi disegni per i cerchi, dalla verniciatura Titania gray opaca della vettura in prova, e dall’ampia scelta sul bicolore della tinta in fase di configurazione

Questa cura per i dettagli dell’esterno sottolinea una rinnovata attenzione alla soddisfazione soprattutto di un pubblico molto giovane che, oltre alla proverbiale funzionalità da Smart ForTwo, cerca anche una componente estetica aggiornata ed alla moda.

Interni chic e alla moda

All’interno le uniche differenze riguardano il vano porta oggetti che ora è dotato di una piccola serranda, e l’impiego di materiali più chic, come il finto legno o la trama carbonio come in questo nell’esemplare oggetto di test.
La parte alta della plancia è rivestita in tessuto per evitare i fastidiosi riflessi del sole, scelta che, tuttavia, risulta esteticamente in contrasto con i materiali più premium della parte centrale.
Due ampie tasche a rete alle spalle dei sedili permettono di riporre gli oggetti di uso frequente.

I sedili sono ampi e ben regolabili (quello di guida si registra in altezza acquistando il pacchetto Comfort). Il rivestimento in tessuto è lo stesso per la versione Passion e Pulse, si può soltanto scegliere tra un’impuntura bianca o azzurra. Per la versione Prime, invece, il rivestimento in pelle è di serie.

Infotainment rinnovato

Un refresh è arrivato anche per le grafiche del sistema di infotainment con schermo touch da 8 pollici.
Di serie il sistema Mirrorlink che, tuttavia, non ha nulla a che vedere con la connettività Apple Car Play e Android Auto; queste si possono avere soltanto come optional.

Ridisegnata anche l’interfaccia dell’app smart EQ control, che permette di conoscere l’autonomia residua e riscaldare o rinfrescare l’abitacolo a distanza.
Per quanto riguarda la tecnologia è doveroso ricordare che è una vettura priva di ADAS, gli aiuti alla guida. Ma forse non sono neppure così necessari per un’auto il cui vero habitat è la città.

Abitabilità: piccola fuori, ma grande dentro

Come sempre la Fortwo riesce a sorprendere per il tanto spazio a disposizione e anche chi è più alto di 1,90 m riesce a guidare comodamente.
Le batterie sotto il pavimento non tolgono spazio nell’abitacolo e due persone, anche di grande corporatura, possono viaggiare comode sulla Smart EQ.

La visuale di guida è buona ed in retromarcia la retrocamera (che è optional) ci aiuta nel parcheggio.

Bagagliaio notevole

Il bagagliaio della Smart EQ Fortwo non è male, se si considera che è lunga appena 270 cm.
La capacità di carico è di 260 litri e se si necessita di piu spazio, è possibile abbattere lo schienale del sedile del passeggero, raggiungendo una capacità di 350 litri.
Peccato che i cavi di ricarica rubino un po’ di spazio nel baule.

Come va su strada la Smart EQ Fortwo 2020: prestazioni, motore, consumi, autonomia e ricarica

Come tutte le Smart è un’auto che si guida “da sola”: maneggevole, fluida e con uno sterzo che le permette di girare quasi su se stessa.
Trovare parcheggio e fare manovra con lei è un gioco da ragazzi!
Alla guida, ci si fa prendere subito la mano dalla spinta vivace del motore elettrico che scatta da 0 a 60 km/h in meno di 5 secondi; Lo scatto da 0 a 100 avviene, invece, in 11,6 secondi e la velocità massima è autolimitata a 130 km/h per limitare i consumi.
La prontezza nelle ripartenze dal semaforo, la guida nel silenzio e l’agilità nel traffico regalano un vero piacere di guida al volante di questa Smart IQ.
Piccola pecca: le sospensioni, che portano ad un assetto un po’ rigido su dossi e sconnessioni della pavimentazione stradale.
Che sia un’auto “cittadina” viene ribadito anche quando si superano i 100 km/h: la stabilità è buona, ma i fruscii si fanno sentire.

Uno dei punti di forza della Smart EQ è la gestione autonoma della rigenerazione della batteria.
Grazie ad una telecamera frontale infatti regola il recupero di energia su 5 diversi livelli con lo scopo di massimizzarlo, in alternativa si può inserire manualmente la modalità ECO.
Modalità che però fa calare notevolmente guizzo di guida che tanto ci piaceva: appiattisce l’accelerazione, limita la velocità massima, imposta su un valore fisso il recupero dell’energia e riduce la potenza del climatizzatore.

Il motore elettrico ha 82 CV e 160 Nm di coppia ed insieme alla batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh, garantisce un’autonomia dichiarata tra i 147 e i 160 km.
Quanto a consumi, la casa dichiara valori compresi tra 12,9 e 20,8 kW / 100 km.
Da nostro test drive possiamo invece registrare un’autonomia reale di poco più di 130km, mentre i consumi si avvicinano a quelli dichiarati.

I tempi di ricarica della Smart EQ con il sistema integrato da 4,6 kW si avvicinano alle 3 ore e mezza tramite la presa domestica, mentre scendono a 45 minuti con il caricatore da 22 kW per arrivare all’80% di carica. Quest’ultimo, tuttavia, è un optional dal costo di ben 1.015 euro e deve essere montato in fabbrica.
Una via di mezzo è rappresentata dalla possibilità di acquistare il wallbox per l’impianto domestico che porta il tempo di ricarica sulle 4 ore.
Con l’acquisto è inclusa la Box Station da 7 kW di Enel, consegna e installazione comprese.
Chi non ha un box per la wallbox riceverà 1.100€ in buoni per l’utilizzo dei servizi di ricarica e di parcheggio.

Prezzi, incentivi, ecobonus e agevolazioni

I prezzi partono da 25.026 euro per la versione di ingresso, la Pure, che ha un equipaggiamento davvero base, senza neppure i comandi al volante e le luci di lettura.
Da lì si sale proporzionalmente in base all’allestimento e gli optional richiesti.
La versione in prova, con fari full led, luci soffuse interne e sedili riscaldabili ha un costo di circa 29.000 euro.
Per tutte, comunque, la wallbox è in omaggio nel primo periodo di vendita e tutte chiaramente godono degli ecobonus statali, oltre a tutti i vantaggi tipici delle auto elettriche (e ibride), come accesso gratuito o agevolato alle ZTL, parcheggio gratuito sulle strisce blu e libera circolazione durante i blocchi del traffico.

[review pros=”Filosofia green con il passaggio all’elettrico. Scatto e maneggevolezza. Spazio interno” cons=”Autonomia migliorabile. Ricarica 22 kW a pagamento. Prezzo elevato”]

La Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Ripresa:★★★★★ 
Cambio:★★★½☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★★ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★★☆ 
Posizione di guida:★★★★☆ 
Dotazione:★★☆☆☆ 
Qualità/Prezzo:★★½☆☆ 
Design:★★★★☆ 
Consumi:★★★½☆ 
Autonomia:★½☆☆☆ 

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati