Nissan valuta la cessione del 34% di Mitsubishi

L'operazione potrebbe ridefinire i rapporti con l'alleata Renault

Nissan valuta la cessione del 34% di Mitsubishi

Nissan starebbe considerando la possibilità di cedere, del tutto o il 34%, quanto attualmente detenuto nel capitale di Mitsubishi Motor.

Quella che al momento è solo un indiscrezione, è stata lanciata dall’agenzia di stampa Bloomberg, secondo la quale tale operazione porterebbe ad una ridefinizione dei rapporti tra Nissan e Renault all’interno dell’Alleanza, di cui fa parte anche Mitsubishi.

La smentita di Nissan e Mitsubishi

La notizia diffusa da Bloomberg è stata però subito smentita da Nissan, con un portavoce che alla Reuters ha affermato: “Non ci sono piani per cambiare la struttura del capitale con Mitsubishi”. A questa si è aggiunta l’ulteriore smentita della Casa dei tre diamanti, con Mitsubishi che ha ribadito di essere intenzionata a portare avanti l’attuale collaborazione all’interno del sodalizio a tre con Nissan e Renault.

Quadro difficile a sostegno di tale operazione

In ogni caso le smentite ufficiali non cancellano una situazione che negli ultimi anni per Nissan si è fatto più complicata per via di un calo delle vendite e della redditività. Per tale motivo la vendite della azioni in Mitsubishi, magari agli altri azionisti, non è una strada da escludere per il prossimo futuro. Tale mossa però andrebbe inevitabilmente a cambiare le carte in tavola nella definizione dell’operatività delle tre Case che compongono l’Alleanza, questo dopo che solo qualche mese fa si è arrivati a un non semplice accordo di divisione di responsabilità, competenze tecnologia e geografiche tra Nissan, Renault e Mitsubishi.

Nuova Volkswagen Polo Da 119 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati