Ford: allo studio la produzione interna delle batterie per i veicoli elettrici

Lo ha annunciato il CEO del marchio Jim Farley

Ford: allo studio la produzione interna delle batterie per i veicoli elettrici

La scorsa estate Ford aveva escluso l’ipotesi di produrre internamente le batterie per i propri veicoli elettrici e ibridi, ma ora la casa dell’Ovale Blu sembra aver cambiato completamente idea. È stato Jim Farley, amministratore delegato del marchio, a parlarne: “Stiamo discutendo della produzione di batterie – le parole alla Reuters – È naturale, con l’aumento dei volumi dei veicoli elettrici”.

I motivi dell’inversione di rotta

Secondo quanto riportato dalla stessa agenzia, l’inversione di rotta di Farley sarebbe dovuta non solo a questo aumento dei volumi, ma anche perché i produttori di batterie potrebbero presto non essere più in grado di soddisfare interamente le richieste di mercato. Ed è una strada su cui stanno lavorando già altri costruttori, investendo miliardi di dollari, come General Motors e Tesla.

C’è da dire che, rispetto ad altre case, l’Ovale Blu sta adottando una strategia meno aggressiva sull’elettrico: attualmente in gamma sono presenti la Mustang Mach-E ed il veicolo commerciale a zero emissioni appena presentato, e-Transit.

L’elettrico a basso costo

Prossimamente arriverà anche il pick-up F-150 elettrico, ma la sfida del marchio americano arriverà nel prossimo futuro, quando l’intenzione è il lancio di almeno un modello a basso costo. “Non andremo sul mercato con modelli da 100.000 dollari e oltre. Questi veicoli saranno accessibili”, aveva dichiarato, poche settimane fa, lo stesso amministratore delegato del marchio.

L’obiettivo è quello di un line-up con un prezzo di partenza attorno ai 20.000 dollari (circa 17 mila euro), per poi salire fino a 70.000 dollari per i modelli più costosi.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati