TOP 5 city car elettriche: le migliori del 2020 [VIDEO]

Migliori auto elettriche di segmento A e B 2020: focus su motore, batteria, autonomia, ricarica e prezzo

TOP 5 city car elettriche: le migliori del 2020 [VIDEO]

Il mercato dell’auto italiano è sempre più orientato verso l’elettrificazione: grazie ad ecobonus e incentivi regionali il risparmio sull’acquisto di un’auto elettrica può superare ampiamente i 10.000 euro. Le vetture a zero emissioni locali stanno, quindi, rivoluzionando la mobilità, soprattutto quella urbana, anche per via di numerosi vantaggi tra cui accesso agevolato alle ZTL, parcheggi gratuiti su strisce blu, libera circolazione durante i blocchi del traffico ed esenzione dal pagamento del bollo per i primi 5 anni. In questa TOP 5 dedicata alle elettriche da città, abbiamo scelto le migliori segmento A e B a zero emissioni del 2020 focalizzandoci su motore, batteria, autonomia, modalità con tempi di ricarica e prezzo. Scopriamole insieme!

 

Renault Zoe ZE50 (R110 / R135)

Nuova Renault Zoe: la piccola elettrica francese è la più venduta in Italia nel suo segmento. La terza generazione cambia poco all’esterno, mentre gli interni appaiono completamente rinnovati e dotati delle più recenti tecnologie. Degna di nota l’introduzione della modalità B (brake), utilissima in città, che aumenta sensibilmente il freno motore permettendoci di recuperare energia e quasi dimenticarci il pedale del freno. Il motore elettrico, poi, diventa più potente sulla versione R135 (che avevamo provato nel nostro Com’è & Come Va), con 135 CV e 245 Nm di coppia, garantendo al contempo maggiore autonomia: grazie alla nuova batteria da 52 kWh, infatti si riescono a percorrere fino a 390 km, uno dei valori più interessanti del segmento. Per quanto riguarda la ricarica, viene introdotta quella rapida a corrente diretta a 50 kW, che permette di portare la batteria all’80% in un’ora e 10 minuti. Le tempistiche si allungano parecchio utilizzando la corrente alternata: servono, infatti, 9 ore e mezza collegando la Zoe a Wallbox da 7,4 kW e oltre 30 ore tramite normale presa domestica. Il prezzo? Da 25.900 euro per la 110 CV, mentre la R135 attacca il listino a 27.700 euro. Da segnalare la possibilità di acquisto con finanziamento a partire da soli 119 euro al mese.

 

MINI Cooper SE

Anche l’anglo-tedesca MINI entra a gamba tesa nel mercato EV con la Cooper SE, versione a zero emissioni della pepata Cooper S 3 porte: con quest’ultima condivide, infatti, molti stilemi estetici, con l’aggiunta di dettagli distintivi, e un grande divertimento alla guida, con il tipico “go-kart” feeling MINI. Il propulsore elettrico eroga 184 CV di potenza, 270 Nm di coppia ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 32,6 kWh, che garantisce un’autonomia tra i 235 e i 270 km con una singola carica. Non male, considerando le prestazioni, piuttosto elevate, con uno scatto da 0 a 100 km/h in poco più di 7 secondi. Parlando di ricarica, la Cooper SE impiega 2 ore e mezza con corrente alternata fino a 11 kW, e solo 35 minuti con corrente diretta fino a 50 kW per riempire la batteria all’80%. Collegandola alla normale presa domestica, invece, le tempistiche salgono a circa 14 ore.  Il prezzo? Non proprio contenuto: chi avrà intenzione di entrare nel mondo dei veicoli elettrici senza rinunciare alla sportività, dovrà sborsare almeno 33.900 euro. Ecoincentivi statali esclusi.

Smart EQ ForTwo

Smart EQ ForTwo: dopo 22 anni la piccola tedesca abbandona definitivamente il motore endotermico insieme alle sorelle Cabrio e ForFour. La due posti “regina” della città mantiene le stesse dimensioni ultra-compatte, ma sfoggia un nuovo look con elementi dedicati, come i nuovi gruppi ottici con firma luminosa a X, e interni “rinfrescati”. Il motore elettrico da 82 CV e 160 Nm di coppia è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh, con un’autonomia dichiarata tra i 147 e i 160 km. Su strada, la Smart a zero emissioni risulta scattante e maneggevole, imbattibile dalle concorrenti sul fronte parcheggi con i suoi 2 metri e 69 cm di lunghezza. Anche la capacità di carico è di tutto rispetto, con un bagagliaio da 260 litri.

I tempi di ricarica della Smart EQ si avvicinano alle 8 ore tramite normale presa domestica, mentre scendono a 45 minuti con il caricatore da 22 kW, optional, per arrivare all’80% di carica. Con wallbox a 4,6 kW la durata si attesta intorno alle 4 ore.

Capitolo prezzo: per quanto tecnologica e alla moda, la nuova Smart a zero emissioni non costa poco: ben 25.026 euro per la versione d’ingresso.

 

 

Volkswagen e-Up!

Volkswagen e-Up: la citycar a zero emissioni del gruppo tedesco condivide architettura e specifiche tecniche con le “sorelle” Seat Mii e Skoda Citigo e (quest’ultima, purtroppo, uscita quest’anno dalla produzione). Esteticamente non si differenzia molto dalla versione a motore termico: è lunga 3 metri e 60 e il bagagliaio ha un volume di 251 litri. Il propulsore elettrico eroga 83 CV ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 32,3 kWh utilizzabili, che consente un’autonomia fino a 260 chilometri. Grazie alla presa di tipo CCS di serie, per arrivare all’80% di capacità basta solo un’ora utilizzando un caricabatterie rapido a corrente continua da 40 kW. Con wallbox a corrente alternata da 7,2 kW, il processo di ricarica dura poco più di 4 ore, mentre servono 12 ore e mezza utilizzando una presa domestica da 2,3 kW. La piccola elettrica tedesca ha un prezzo di partenza di 23.750 euro (bonus esclusi), che comprende una dotazione piuttosto ricca: fari LED, pacchetto ADAS, clima automatico e retrocamera sono di serie.

Fiat 500 e

Chiudiamo la nostra TOP 5 con Fiat 500 e: la tanto attesa versione elettrica di una delle icone del made in Italy è finalmente disponibile sul mercato in versione  utilitaria, decappotabile e 3+1, variante dotata della curiosa soluzione della terza portiera. La linea è simile a quella della generazione precedente per estetica e forme: la 500 a elettroni è lunga 3 metri e 61 e il bagagliaio ha una capacità di 185 litri. Gli interni appaiono completamente rinnovati e un gran lavoro è stato fatto sul fronte tecnologia, ad esempio con l’introduzione di ADAS di livello 2. Nonostante la grande somiglianza con la precedente, la piattaforma è stata realizzata ad hoc per ospitare batteria e motore, disponibili in due versioni con potenza e capacità differenti: la consigliata è sicuramente quella equipaggiata con il propulsore da 118 CV, accoppiato alla batteria agli ioni di litio da 42 kWh (tutti i dettagli nella nostra prova in anteprima). Questa permette, secondo i dati della casa, di percorrere fino a 320 km con una singola carica. A proposito di ricarica: la 500e può essere collegata alle colonnine fast charge a corrente diretta per portare la batteria all’80% in soli 35 minuti. Circa 3 ore e mezza il tempo necessario utilizzando la corrente alternata a 11 kW, mentre con la normale presa domestica da 3 kW dovremo lasciare il cavo collegato per quasi 13 ore. Per la versione con batteria da 23,8 kWh le tempistiche sono quasi dimezzate, così come l’autonomia. Infine, parliamo di prezzo: senza considerare i vari ecoincentivi, 26.150 euro è la cifra che il vostro assegno dovrà riportare per portarvi a casa la entry level con batteria da 23,8 kWh.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Renault Zoe R135 2020 | Com’è & Come Va

    Nuova Renault Zoe R135 2020: caratteristiche e prova su strada nel Com'è e Come Va
    Nuova Renault Zoe 2020: l’utilitaria completamente elettrica più venduta in Italia giunge alla sua terza generazione con la sigla ZE50: