Auto Euro 7: i motori benzina e diesel potrebbero sparire prima del previsto

Le case costruttrici sono preoccupate, gli standard sono troppo stringenti

Auto Euro 7: i motori benzina e diesel potrebbero sparire prima del previsto

Secondo quanto riferito da molte associazioni di settore come ACEA, le case costruttrici sarebbero seriamente preoccupate dall’avvento dei nuovi standard di omologazione Euro 7 che impongono nuovi limiti alle emissioni inquinanti dei veicoli a combustione. Questi dovrebbero entrare in vigore entro i prossimi 5 anni e potrebbero sancire la definitiva fine dei motori a combustione, per come li conosciamo.

Il gioco non vale più la candela

Gli investimenti a cui sarebbero esposti i produttori di auto sarebbero così importanti da non giustificare forse più la produzione di nuovi motori a combustione che possano rispettare i nuovi limiti Euro 7. Molte case infatti, come Volvo, sarebbero quindi intenzionate a continuare la ricerca verso il mondo dell’elettrificazione, con veicoli a zero emissioni o ibridi plug-in. L’avvento delle norme Euro 7 potrebbe inoltre mandare in pensione decine di motori benzina e diesel progettati, collaudati e costruiti negli ultimi 10 anni con un enorme danno per tantissimi brand.

Come riporta anche Autonews Europe, questi nuovi standard dovrebbero entrare in vigore dal 2025, quindi meno di 5 anni, modificando radicalmente anche quelle che potrebbero essere le scelte d’acquisto degli automobilisti nei prossimi 2/3 anni. Il valore critico sarebbe rappresentato dai 30 mg/km di NOx (ancora in fase di approvazione), ovvero gli ossidi di azoto, troppo basso per consentire “la vita” a qualsiasi auto a combustione, mild-hybrid e full-hybrid incluse. L’emergenza è stata principalmente sollevata dai produttori europei, vedendo il rischio di dover rinunciare a decine di motorizzazioni per ciascuno, escluse quelle ibride plug-in ed elettriche.

Cosa cambia dal 2021

Come sappiamo infatti, il primo giro di vite arriva già dal 1 gennaio 2021: tutte le auto immatricolate a partire da questa data dovranno infatti rispettare il limite di 60 mg/km di NOx per le auto a benzina e 80 mg/NOx per quelle a diesel, sia nei test sui rulli che per quelli effettuati su strada. Come accennato quindi, una proposta vede questo limite abbassarsi notevolmente fino a 30 mg/km a partire dal 2025 e sarà discusso ed approvato entro la fine del 2021. Si tratterebbe di un salto notevole, con un valore addirittura inferiore al margine d’errore concesso per i dispositivi PEMS (34 mg/km di NOx), i macchinari preposti al controllo dei valori delle emissioni installati sulle auto in fase di collaudo.

Quali sono le conseguenze?

Secondo quanto riferiscono alcuni portavoce di Volkswagen, “se il limite di 30 mg/km venisse approvato, non sarà più possibile poter vendere una Polo con un prezzo di partenza di 15.000 euro“. Sembra quindi lecito aspettarsi un’impennata sui prezzi di listino delle auto più nuove, come già avvenuto negli ultimi 5 anni. “Produrre auto a benzina e diesel non sarebbe più redditizio e nemmeno sostenibile, a patto di non aumentare notevolmente il prezzo al cliente finale per poter avere un minimo margine di profitto“. Tuttavia uno scenario ancora più triste potrebbe palesarsi all’orizzonte.

Prestazioni ridotte e addio al cambio manuale

Questa è l’ultima ipotesi avanzata dal un ingegnere tedesco legato al mondo Volkswagen: “Sarebbe quindi impossibile poter produrre auto manuali. L’automatico consente di aver accelerazioni più graduali e controllate, riducendo la produzione di CO2 ed NOx. Tuttavia le prestazioni ne risentiranno ma i costi di produzione e finali lieviterebbero in modo significativo“.

Lasciamo ora la palla a voi: cosa ne pensate? Ditecelo qua sotto nei commenti o inviateci un messaggio sulle nostre pagine social e saremo lieti di discuterne assieme.

Offerta Volkswagen ID.3 100% Elettrica da 299€ al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Vignaduzzo Ind. Eng. Ruggero ha detto:

      eccezzionale magnifico,ma se questeregole valgono per tutto il mondo automobilistico mondiale, che sarànegli altri paesi dico Russia cina india ecc ecc?? si sta penalizzando solo il sistema europeo, e penso che sarà ilmomento di esprimersi sulla mobilità se si considera come liberta o lusso..

    Articoli correlati