Ferrari: le cause delle dimissioni di Camilleri e il “toto successori” [VIDEO]

Non è più AD e Membro del CDA di Ferrari e lascia anche la presidenza di Philip Morris

Ferrari: le cause delle dimissioni di Camilleri e il “toto successori” [VIDEO]

È ufficiale: Louis Camilleri lascia la Ferrari con effetto immediato. Una notizia che arriva a sorpresa di notte e spiazza tutti gli addetti ai lavori. Il manager 65enne maltese lascia tutti gli incarichi lavorativi ovvero quello di Amministratore Delegato e Membro del CDA di Ferrari e Philip Morris, il colosso mondiale del tabacco, di cui era Presidente.

Tra F1 e azienda

Le dimissioni di Camilleri sono ufficialmente “per motivi personali” dopo la guarigione da Covid-19 che sembra aver avuto conseguenze. Ora John Elkann diventa il suo successore in Ferrari ad interim ma da Maranello la “caccia” al suo successore è già iniziata e dovrà prendere in mano le sorti della scuderia di Formula Uno e dell’azienda che, nonostante la pandemia, rimane il Brand più forte al mondo per la seconda volta consecutiva con un valore di 9,1 miliardi di dollari.

Il toto successori

Chi prenderà il volante di Ferrari? C’è molta curiosità di scoprire chi prenderà le redini del Cavallino Rampante e voci di corridoio mettono sotto i riflettori Andrea Agnelli, attuale Presidente della Juventus, Enzo Mattioli Ferrari, il pronipote del Drake manager di Philip Morris. Spuntano altri nomi nel “toto successore” come il CEO Maserati Davide Grasso o l’ex FCA Altavilla braccio destro di Marchionne.

Offerta Volkswagen ID.3 100% Elettrica da 299€ al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati