Mercato auto Italia 2020: la regina è sempre la Fiat Panda

Sul podio ci sono Lancia Ypsilon e Fiat 500X

Mercato auto Italia 2020: la regina è sempre la Fiat Panda

Il 2020 è stato un anno difficile per tutti (o quasi) ed anche il mercato auto ha vissuto una crisi pesante, perdendo più di un quarto delle immatricolazioni. Quello che non è cambiato in Italia è la leadership incontrastata della Fiat Panda tra le vetture più vendute, con più del doppio delle immatricolazioni rispetto alla seconda in graduatoria.

Oltre 110.000 immatricolazioni

La popolare citycar del Lingotto è stata la più venduta in tutti e dodici i mesi dell’anno appena concluso ed ha totalizzato 110.465 immatricolazioni. Il 2020 ha segnato l’arrivo della versione ibrida di questo modello (qui la nostra prova), prendendo la vetta anche in questo segmento.

In questo modo, la Fiat Panda è riuscita a contenere le perdite rispetto al 2019, con oltre 30.000 clienti ad aver scelto la versione elettrificata, non presente nell’anno precedente.

Dominio italiano nelle prime posizioni

Dietro alla Panda, come dicevamo, c’è la Lancia Ypsilon (43.033 immatricolazioni) ed il terzo gradino del podio è occupato dalla Fiat 500X. Il crossover (31.831) ha superato di pochissimo le vendite di Renault Clio (31.653), Fiat 500 (31.409) e Jeep Renegade (31.088).

Sotto le 30.000 immatricolazioni, invece, gli altri quattro modelli della Top 10 del 2020: Toyota Yaris (29.608), Renault Captur (29.299), Citroen C3 (29.168) e Dacia Sandero (28.101).

Tra le novità del 2020, da segnalare l’ottimo debutto della Ford Puma: il crossover ibrido dell’Ovale Blu ha conquistato oltre 24.000 italiani e si è posizionato al quattordicesimo posto assoluto.

Offerta Volkswagen ID.3 100% Elettrica da 299€ al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati