Restrizioni Covid: Lombardia, Sicilia e Bolzano in zona rossa da domenica 17 gennaio

12 le Regioni in arancione, 5 più la Provincia di Trento in giallo

Restrizioni Covid: Lombardia, Sicilia e Bolzano in zona rossa da domenica 17 gennaio

Poco dopo la firma del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sul nuovo DPCM che stabilisce le misure restrittive per contenere e limitare la diffusione del contagio da Covid-19, che saranno valide fino al 5 marzo prossimo, sono arrivati i dati relativi alla circolazione del virus a livello territoriale dai quali dipende la collocazione delle Regioni nelle diverse fasce.

Indice Rt nazionale risale a 1,09 

Il monitoraggio della Cabina di regia del ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità ha rilevato un’indice Rt nazionale di 1,09, in aumento per la quinta settimana consecutiva, con “un livello generale di rischio alto di una epidemia non controllata e non gestibile”. Ne deriva così il passaggio, da domenica, di tre quarti dell’Italia da zona gialla a rossa o arancione, che sarà ratificato con la nuova ordinanza che verrà firmata nelle prossime ore dal ministro della Salute Roberto Speranza. 

La nuova divisione delle Regioni in vigore da domenica

Finiscono in zona rossa, dunque nel massimo livello di rischio e di chiusure, la Lombardia con un indice Rt di 1,38, la Provincia di Bolzano (1,4) e la Sicilia (1,14). La maggior parte delle Regioni italiane, 12 in tutto, da domenica saranno in zona arancione e si tratta di Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria, Val d’Aosta e Veneto. Rimangono invece in zona gialla la Basilicata, la Campania, il Molise, la Provincia di Trento, la Sardegna e la Toscana.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati