Bari: rubano l’auto ad una donna disabile e la restituiscono con tanto di dedica

"Commovente" il biglietto con le scuse da parte dei ladri

Bari: rubano l’auto ad una donna disabile e la restituiscono con tanto di dedica

Ok, è tutto vero. Può sembrare assurdo ma dovete crederci. Accade nella giornata di ieri, a Bari. Dei ladri, dopo aver rubato l’auto ad una persona affetta da sclerosi multipla, hanno deciso di abbandonare l’auto in una zona limitrofa a dove l’avevano prelevata, lasciando anche una dedica sul sedile del passeggero. 

La dedica e le scuse da parte dei ladri

Anche noi abbiamo un cuore. Scusateci, non sapevano della vostra patologia. Scusateci ancora. I ladri“, questo il biglietto ritrovato da parte dei Carabinieri sul sedile del passeggero dell’auto rubata nei pressi dell’Ospedale di venere di Carbonara (Bari). Davvero da non crederci. 

L’auto, appositamente modificata per accogliere la proprietaria, una donna affetta da sclerosi multipla è stata ritrovata completamente intatta e senza alcun graffio. Viene però da chiedersi come abbiano fatto i ladri a non accorgersi sul momento della particolarità dell’auto: questa è infatti dotata di rampa e porta scorrevole per poter far salire la carrozzina della signora. Probabilmente, i malviventi si saranno sentiti in colpa dopo l’appello disperato sui social della proprietaria, impossibilitata a muoversi senza la propria vettura. 

La figlia aveva scritto sui social: “mettevi una mano sul cuore e ridatecela” e la frenetica condivisione del post da parte di altre persone probabilmente ha fatto sì che questo arrivasse fino all’attenzione dei ladri. Tutto è “bene” ciò che finisce bene. Continuano comunque le indagini dei Carabinieri per risalire ai malviventi. 

Offerta Volkswagen ID.3 100% Elettrica da 299€ al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati