Foggia: assalto a due portavalori, auto in fiamme, sparatorie e chiodi sulla strada per la fuga

Nessun ferito, ma i rapinatori non sono ancora stati identificati

Foggia: assalto a due portavalori, auto in fiamme, sparatorie e chiodi sulla strada per la fuga

Questa mattina, a Foggia è successo davvero di tutto. Scene da film d’azione, degne dei più famosi Mission Impossible o James Bond sulla strada statale Bradanica che collega Candela a Foggia. Alle 7 di mattina, un convoglio armato ha tentato di assaltare due camion portavalori della ditta Cosmopol.

Secondo le prime ricostruzioni dei fatti, i banditi avrebbero posizionato un veicolo in mezzo alla carreggiata, incendiandolo, per costringere i due camion a fermarsi. Dopo la sosta, i malviventi avrebbero sottratto le armi al personale di sicurezza bloccando il traffico in entrambi i sensi di marcia con altri veicoli dati alle fiamme. Sarebbero stati sparati alcuni colpi per generare del panico e solo successivamente i rapinatori si sarebbero dati alla fuga a bordo di due SUV. Per seminare eventuali inseguitori avrebbero anche gettato dei chiodi a tre punte sulla strada, rinvenuti solo successivamente dalle autorità. Il bottino della rapina ammonterebbe a circa 3 mila euro, non essendo riusciti a prelevare l’intero valore trasportato. 

Sia ANAS che i carabinieri starebbero collaborando per cercare di risalire all’identità dei rapinatori dalle telecamere presenti sulla statale. Per il momento la circolazione è stata sospesa e il traffico deviato lungo altre arterie secondarie. Non si registrano feriti ma solo un grande spavento per gli sfortunati automobilisti presenti in quell’istante e che probabilmente si stavano per recare al lavoro. 

Foto, Video: Antennasud

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Circolazione stradale

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati