Seat entra nel CdA di REDI e conferma il proprio impegno per l’inclusione e la diversità

La Casa spagnola è leader in Europa in termini di inclusione

Seat entra nel CdA di REDI e conferma il proprio impegno per l’inclusione e la diversità

Seat prosegue il suo impegno a favore del rispetto e della diversità come valori basilari nell’attività quotidiana dell’azienda entrando a far parte del consiglio di amministrazione di REDI (Red Empresarial por la Diversidad e Inclusión), la prima rete imprenditoriale e di esperti su diversità e inclusione in Spagna. Guillermo Cerrón, uno dei promotori di Pride@SEAT, entrerà a fare parte del nuovo management dell’associazione in rappresentanza della Casa automobilistica.

Seat a favore di un ambiente rispettoso delle persone

Con l’entrata in REDI, Seat compie un ulteriore passo avanti verso l’obiettivo di creare un ambiente inclusivo e rispettoso tra i collaboratori, nonché della promozione del talento indipendentemente dal genere, dall’identità o dall’orientamento sessuale. Questa rete è stata riconosciuta dal quotidiano britannico Financial Times nel suo rapporto Diversity Leaders, che posiziona Seat come azienda leader in Europa in termini di inclusione e diversità.

Al 65° posto su 850 aziende in Europa per inclusione e rispetto delle diversità

Il rapporto Diversity Leaders, condotto dalla consulente di ricerca FT-Statista, piazza l’azienda automobilistica spagnola al 65° posto su 850 aziende europee, riconoscimento internazionale che conferma il fermo impegno di Seat nei confronti delle persone. Il ranking si basa su sondaggi realizzati su oltre 100.000 dipendenti ed esperti in risorse umane e recruitment, sulle politiche di inclusività delle aziende e sui loro sforzi per promuovere aspetti come l’equilibrio di genere, l’apertura a tutte le forme di orientamento sessuale, etnia, disabilità ed età.

Impegno per la diversità

Tolleranza, rispetto e inclusione sono valori essenziali per SEAT. Questi principi sono inclusi nella strategia aziendale per la diversità e l’inclusione che comprende le dimensioni di genere, generazioni, nazionalità e LGBT+. In questo contesto, a giugno 2020 è stato lanciato Pride@SEAT, un’iniziativa LGTB+ organizzata da collaboratori di Seat con il supporto del dipartimento di Risorse Umane dell’azienda per combattere lo stigma che colpisce molte persone LGBT+ e promuovere cambiamenti a favore di inclusione e uguaglianza sul luogo di lavoro. Inoltre, Seat ha aderito alla Carta per le Pari Opportunità (Diversity Charter), una carta di principi che mira a promuovere un impegno globale da parte delle imprese a favore della diversità e dell’inclusione nei luoghi di lavoro. Organizzata dalla Fondazione per la Diversità (Diversity Foundation), il progetto vede il coinvolgimento di oltre 1.000 aziende firmatarie in Spagna e più di 12.000 in tutta Europa. 

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati