Governo Draghi: Giovannini ministro dei Trasporti e Cingolani ministro della Transizione ecologica

Ci si attende una forte spinta all'auto elettrica

Governo Draghi: Giovannini ministro dei Trasporti e Cingolani ministro della Transizione ecologica

Nella squadra del governo appena nato, che avrà Mario Draghi come nuovo Presidente del Consiglio, c’è una combinazione tre tecnici e politici. Nella lista dei nuovi ministri sono essenzialmente due quelli che riguarderanno da vicino il settore dell’auto: si tratta di Enrico Giovannini, nuovo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, e di Roberto Cingolani, nominato ministro della Transizione ecologica, nuovo ministero appena istituito che avrà un ruolo fondamentale nella programmazione di spesa delle risorse europee previste dal Recovery Fund.

Chi è Giovannini

A raccogliere l’eredità di Paola De Micheli al MiT è dunque Enrico Giovannini, classe 1957, economista, statistico e accademico, con un esperienza di governo nel recente passato (2013-14), quando l’allora premier Enrico Letta lo nominò ministro del Lavoro e delle Politiche giovanili. Laureatosi nel 1981 in Economia e Commercio all’Università “La Sapienza” di Roma, Giovannini vanta una lunga esperienza docente universitario in Italia e all’estero. Inoltre è stato membro dei Consigli Direttivi della Società Italiana di Statistica e del Centro Interuniversitario di Econometria, del Comitato strategico per l’introduzione dell’Euro in Italia e di diversi comitati scientifici di istituzioni di ricerca italiane. 

Nel corso della sua carriera Giovannini ha sviluppato anche un forte legame con l’Europa e le sue istituzioni, grazie alla collaborazione con il Joint Research Centre della Commissione Europea e all’attuale presidenza dell’organismo che supervisiona il funzionamento del Sistema Statistico Europeo (European Statistical Governance Advisory Board, ESGAB). Da 2001 al 2009 è stato Chief Statitician dell’OCSE, per poi essere nominato presidente dell’Istat, carica ricoperta fino al 2013. Giovannini è impegnato anche sul fronte dello sviluppo sostenibile, ricoprendo il ruolo di presidente dell’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (ASVIS), oltre ad essere docente di Sviluppo sostenibile alla Luiss di Roma. 

Chi è Cingolani

Nella squadra di governo del nuovo premier Draghi c’è anche Roberto Cingolani, nominato ministro della Transizione Ecologica. Laureato in Fisica all’Università di Bari, ha un PhD in Fisica alla Normale di Pisa ed è il fondatore dell’Istituto italiano di tecnologia, nato nel 2005 e di cui è stato direttore scientifico fino a fine 2019, quando ha iniziato a lavorare per Leonardo, azienda italiana che si occupa di aerospazio, difesa e sicurezza (la vecchia Finmeccanica). Cingolani avrà il compito di guidare l’Italia, sfruttando al meglio i fondi europei destinati al nostro Paese, nel passaggio verso un società sostenibile e più verde. 

Spinta alle auto elettriche

Dalla forte impronta “green” del nuovo ministro dei Trasporti, e da una connessione col lavoro del nuovo ministero della Transizione ecologica, è lecito dunque aspettarsi uno slancio ancora più accentuato delle politiche volte a promuovere la diffusione dei veicoli elettrici e della mobilità a basso impatto ambientale. 

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati