Jaguar-Land Rover: “Abbiamo perso vendite e clienti per problemi di qualità”

Difetti di fabbricazione, qualità costruttiva e assistenza, questi i punti su cui lavorare per il gruppo britannico

Jaguar-Land Rover: “Abbiamo perso vendite e clienti per problemi di qualità”

Nel recente passato avevamo segnalato qualche difetto di assemblaggio o alcune plastiche un po’ economiche utilizzate su alcuni veicoli del gruppo Jaguar-Land Rover, ma non ci saremmo mai aspettati una considerazione del genere da parte del numero uno Thierry Bolloré, Amministratore Delegato del gruppo britannico: “Alcuni difetti di fabbricazione o problemi di affidabilità ci sono costati circa 100 mila consegne all’anno“. 

Un problema di lunga data, dal quale potersi solamente risollevare

La notizia è giunta da un incontro con alcuni azionisti e finanziatori del gruppo JLR e Bolloré ha deciso di condividere con gli altri stakeholders un problema evidente che ha impattato in maniera significativa sulla percezione di brand e sul fatturato annuale. L’insoddisfazione dei clienti, la mancata fidelizzazione di alcuni acquirenti e il progressivo allontanamento dal brand per problemi legati anche all’assistenza, ha portato ad un considerevole decadimento della brand image di JLR. 

L’insoddisfazione ha generati dei danni sui volumi di vendita. Si parla di circa 100.000 consegne all’anno“. Bolloré si è trovato a sostituire Ralph Speth, ex Manager BMW che era stato chiamato dal gruppo inglese nel 2010 per cercare di risolvere un problema di qualità percepita che, secondo alcuni esperti, i marchi britannici si sarebbero portati dietro fin dagli anni ’60, con una percezione di qualità sotto al valore desiderato e che non si è mai riusciti a risollevare nel corso degli ultimi anni, nemmeno con gli investimenti del gruppo Tata Motors. 

Penultimo e terzultimo posto per JLR

Un mondo delicato quello del Premium, con rivali di tutto rispetto come BMW, Audi e Mercedes che apportano continue innovazioni sulle proprie vetture, ricche di tecnologia e con standard qualitativi davvero molto alti. Basti pensare che in una recente indagine statistica sulla soddisfazione di brand, condotta da JD Power, Jaguar e Land Rover si sono collocate al penultimo e terzultimo posto, lasciandosi dietro solamente Tesla. Una posizione assolutamente non concepibile per un gruppo che vorrebbe fare del lusso e della qualità le sue armi vincenti. 

Da una presa di consapevolezza di questo tipo non si può far altro che risalire, infatti il gruppo britannico ha avviato un piano di rilancio con cui cercare di apportare notevoli miglioramenti alle proprie vetture, rilanciando l’immagine di brand con apposite campagne di comunicazione e investendo sul processo di produzione. Minori costi di manutenzione significa maggiori ricavi e una situazione finanziaria migliore. L’avvento delle auto elettriche potrà sicuramente dare una mano nel ridurre gli interventi di manutenzione per via di una minore quantità di componenti sottoposti ad usura che renderanno più affidabili i veicoli. 

 

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati