BMW iX3: VIDEO PROVA SU STRADA del SUV elettrico di Monaco

Il prezzo è impegnativo, ma in cambio si ottiene una vera BMW

Non è certo regalata, ma la BMW iX3 promette di essere un’auto degna del nome del marchio dell’Elica. Si tratta del primo SUV completamente elettrico della casa, destinato a duellare con alcuni grandi nomi del settore come Mercedes EQC e Audi e-tron. Non ci sono delle enormi differenze rispetto alla versione termica e questo non è certo un male, ma ciò che più cambia è ovviamente la tecnologia e il feeling di guida. Per questo non vedevamo l’ora di cimentarci in questa nostra prima prova su strada.

Poche differenze estetiche, sia fuori che dentro

La BMW iX3, come detto, può essere considerata una vera e propria gemella della X3. Il cambiamento più evidente lo si può vedere sulla griglia, che naturalmente non dovendo portare aria fredda verso il motore è ora chiusa e decorata. Attorno a questa, infatti, si possono aggiungere anche delle rifiniture blu elettrico, come quella che nelle nostre immagini vediamo intorno al logo della casa, ma che il cliente può scegliere di rendere più eleganti e scure, proprio come sull’auto da noi provata. Passando sulla fiancata notiamo prima di tutto il logo “i” della gamma elettrica di BMW, ma ciò che attira di più l’attenzione sono i cerchioni, modello esclusivo per questa variante elettrica. Forniti con misura da 20 pollici, anche se si può comunque ordinare quella da 19, si tratta di un modello concepito per migliorare del 5% il coefficiente aerodinamico, diminuire del 15% il peso complessivo e addirittura aggiungere fino a 10 km di autonomia. Sul posteriore le differenze sono ancora una volta minime, se si esclude l’eliminazione dei terminali di scarico sostituiti da placche ancora una volta in blu elettrico (nel nostro modello grigie).

Interni: tecnologia e persino un tocco di “sound”

Anche gli interni dal punto di vista stilistico non si discostano molto dalla versione termica. Ciononostante, la BMW iX3 si caratterizza per una dotazione tecnologica di alto profilo, divisa su appena due allestimenti, entrambi pensati per essere quanto più ricchi possibile. Il primo è chiamato “Inspiring” e comprende extra anche per l’esterno come la vernice metallizzata e i fari a LED. Per quanto riguarda l’abitacolo, invece, parliamo del climatizzatore tri-zona, portellone posteriore elettrico, tetto panoramico apribile e, naturalmente, i principali sistemi ADAS per la guida semi-autonoma- L’allestimento che invece vedete nelle nostre immagini è il top di gamma, chiamato “Impressive”. Nomen omen, in quanto aggiunge a quanto già previsto dall’Inspiring amche i bellissimi cerchi in lega da 20 pollici di cui parlavamo prima, le finiture in pelle Vernasca, i sedili sportivi, l’head-up display, l’assistente al parcheggio e l’impianto audio curato dalla Harman-Kardon. Questo sarà particolarmente importante, in quanto BMW ha inserito anche un finto “sound” per accompagnare le fasi di viaggio dell’auto, che naturalmente lascerebbe passare poco o nulla (anche grazie all’ottima insonorizzazione). Purtroppo non stiamo parlando di un vero sound da motore termico, ma più di una versione calmierata di quanto ci stiamo abituando a sentire negli e-Prix di Formula E. Se proprio dovesse dare fastidio, è comunque possibile disattivarla. Concludendo con lo spazio, il posizionamento della batteria modulare al di sotto del telaio ha consentito, contrariamente alla versione plug-in hybrid, di non modificare la capienza del bagaliaio, che si conferma quindi tra i 510 e i 1.560 litri.

Motore potente e autonomia interessante

Passiamo quindi al vero cambiamento che troviamo all’interno della BMW iX3, ovvero il motore. L’unità elettrica equipaggiata sul SUV bavarese presenta una potenza massima di 286 Cv, a fronte di una coppia da 400 Nm, come sempre immediatamente disponibile all’accensione. Questo consente alla iX3 di godere di una discreta accelerazione, con uno 0-100 coperto in appena 6,8’’ e una velocità di punta da 180 km/h. Andare troppo veloce, però, abbatterebbe l’autonomia, che comunque si presenta in maniera promettente. La batteria agli ioni di litio presenta una capacità da 74 kWh, compatibile con la ricarica trifase automatica. BMW ha lavorato molto per aumentare l’efficienza del sistema e, al tempo stesso, ridurre se non eliminare l’utilizzo di alcuni elementi che rendono inquinante la produzione della batteria, come le terre rare. Grazie ai vari interventi dei tecnici tedeschi, il consumo energetico si assesta tra i 18,6 e i 19 kWh/100 km, che consente alla BMW iX3 di percorrere fino a 458 km. Il tutto a fronte di una capacità di ricarica rapida che consentirebbe di recuperare ben 100 km di autonomia in appena 10 minuti di ricarica, contro i 55 km che invece riusciva a riprende la più piccola BMW i3. Grazie a questi interventi, BMW ha dichiarato un impatto sull’ambiente in termini di CO2 della singola iX3 prodotta inferiore del 30-63% rispetto alla BMW X3 20d.

Auto imponente, guida leggera

Dal punto di vista della guida la BMW iX3 si comporta molto bene. La seduta è ovviamente molto alta come su ogni SUV che si rispetti, ma non sembra mai eccessiva, grazie anche alle forme non esagerate del mezzo. Solamente le forme contenitive del sedile ci sono sembrate un po’ scomode, ma potrebbe essere questione di abitudine. L’accelerazione e la ripresa non si discutono, essendo in grado di sfruttare in pieno quanto il motore elettrico ha da offrire. Il sound, come detto, è artificiale e alla fine ci si fa veramente poco caso. Volendo è possibile disattivarlo, ma non è una delle principali preoccupazioni. Quello che ci interessava di più sperimentare, invece, era la gestione del recupero dell’energia cinetica, che può essere impostata in quattro modi, tutti con dirette conseguenze sull’autonomia e sulla risposta del motore, soprattutto in fase di frenata. Si può scegliere tra un recupero elevato, medio o basso, ma alla fine la vera novità è il sistema “adattivo”. Questo, infatti, calibra la capacità di recupero a seconda delle indicazioni che può ricevere dal navigatore satellitare, dai sensori e dalle telecamere, così da massimizzare il recupero dell’energia in prossimità, ad esempio, di un semaforo. Alla fine finisce per essere questa l’unica modalità veramente sensata da usare e se si vuole fare uno step ulteriore sul cambio (per forza di cose automatico) è disponibile la modalità “Brake – One Pedal”, che consente di guidare usando solamente l’acceleratore e arrivando addirittura a fermarsi quando si solleva il piede. Grazie al baricentro piuttosto basso, per merito della posizione della batteria, la iX3 restituisce un feeling di guida decisamente aggressivo, aumentato anche dalla trazione posteriore in pieno stile BMW (su questa vettura non è prevista la trazione integrale). È ancora troppo presto per giudicare l’autonomia, che comunque durante la nostra breve prova abbiamo potuto vedere consumarsi rapidamente solo quando abbiamo schiacciato un po’ l’acceleratore in modalità Sport. Normalmente ci sembra che almeno i 400 km siano un obiettivo più che realistico, ma per una desamina più approfondita vi rimandiamo ad una futura puntata di Com’è & Come Va.

Merita, ma si fa pagare

La BMW iX3 merita quindi molto a livello tecnico e stilistico, ma ovviamente si fa pagare. La versione con l’allestimento Inspiring parte da 69.900 €, mentre quella della nostra prova, la più ricca Impressive, viene a costare 75.900 €. A parità di allestimento e potenza del motore, ballano alcune migliaio di euro a vantaggio delle versioni diesel mild-hybrid, ma naturalmente non bisogna scordare che l’elettrica gode sia del risparmio del carburante sul lungo termine che sugli eco-incentivi statali che possono abbattere il prezzo fino a ben 10.000 €.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Motore potente e buona autonomia. Abitacolo premium con allestimenti ricchiSound artificiale poco credibile. Non esiste una ‘’vera’’ versione di ingresso, per cui si parte con prezzi già alti. Seduta rivedibile.

BMW iX3: Scheda Tecnica

Dimensioni: 4.730 mm lunghezza x 1.890 mm larghezza x 1.660 mm altezza x 2.860 mm passo
Motore: Elettrico
Potenza: 286 Cv
Coppia: 400 Nm
Trazione: posteriore
Cambio: automatico con funzione Brake One-Pedal
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 6,8’’
Velocità massima: 180 km/h
Allestimenti: Inspiring, Impressive
Bagagliaio: 510 litri, 1.560 litri con i sedili reclinati
Autonomia: 458 km
Prezzo: Da 69.900 €

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati